Unicredit, Sace e Microsoft: al via la Digital&Export business school

E' un percorso formativo interamente digitale dedicato alle imprese che partirà martedì prossimo 9 giugno

Un percorso formativo interamente digitale dedicato alle imprese che partirà martedì (9 giugno) con 8 talk con cadenza settimanale pensati per creare un confronto tra esperti e imprenditori e riflettere insieme su come affrontare i nuovi scenari economici disegnati dalla pandemia.

E da ottobre la seconda parte del progetto: un giro virtuale tra le regioni italiane attraverso 20 sessioni di live coaching che approfondiranno tematiche tecniche rilevanti per le imprese di quello specifico territorio.

È’ questa la nuova Digital&Export business school che UniCredit presenta quest’anno grazie a una nuova partnership con due partner d’eccellenza come Sace e Microsoft: informazione e formazione per cercare nel cambiamento nuove opportunità. Durante tutto il progetto, le imprese potranno consultare gratuitamente la formazione ondemand sulla piattaforma di Education to Export di Sace, che con Simest rappresenta il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione.

La Digital&Export Business School si articolerà in due fasi: una prima fase, da giugno a luglio, con 8 digital talk, appuntamenti settimanali fissi di 55 minuti in cui le imprese potranno confrontarsi con docenti universitari, ricercatori, professionisti, imprenditori, giornalisti su argomenti strategici per le imprese; una seconda fase, da ottobre a dicembre, con 20 sessioni di live coaching dedicate ad approfondimenti su tematiche tecniche con esperti di UniCredit, SACE e Microsoft.

“Questo progetto, ideato insieme a UniCredit e Microsoft – ha dichiarato Antonio Frezza, responsabile marketing& innovation – è un ulteriore passo importante di Sacea supporto della ripartenza del Sistema Paese. In questo momento particolarmente complesso le aziende italiane hanno bisogno di ripensare le loro strategie e il loro modello di business. Quest’iniziativa innovativa le sostiene in questa direzione, amplificando i canali di accesso ai nostri servizi di formazione & advisory che mettiamo ogni giorno gratuitamente a disposizione, attraverso la piattaforma Education to Export”.

”In Italia, in pochissimo tempo abbiamo assistito a un’accelerazione nell’adozione di soluzioni tecnologiche da parte delle organizzazioni: un salto digitale negli ultimi due mesi paragonabile a quello che accade in due anni. Per continuare a sostenere le nostre aziende nel percorso di trasformazione che supporti la loro ripresa e crescita a lungo termine servono le giuste competenze – ha dichiarato Barbara Cominelli, Chief operating officer microsoft Italia – siamo orgogliosi di prendere parte a questo percorso di formazione con Unicredit e Sace per aiutare le aziende a un Digital restart che supporti la loro competitività e sviluppo futuri”.

“La pandemia ha imposto alle nostre imprese una sfida molto impegnativa – ha dichiarato Andrea Casini, Co-Ceo Commercial Banking Italy di UniCredit – ponendole improvvisamente non semplicemente di fronte a una crisi di liquidità, ma anche alla necessità di cambiare in tempi rapidissimi il proprio approccio al lavoro, con l’urgenza di intercettare le nuove rotte e le nuove modalità di fare business imposte dal virus. Anche UniCredit ha intrapreso azioni rapide e decisive, rafforzando i propri servizi digitali, raddoppiando il numero dei nostri consulenti da remoto, rendendo non necessario recarsi fisicamente in filiale grazie alla firma digitale e rivoluzionando sotto molti aspetti il proprio modo di lavorare per tutelare la salute di clienti e dipendenti. Con la nostra Digital&Export Business school, insieme a due partner strategici come Sace e Microsoft, vogliamo offrire alle imprese italiane un percorso di formazione unico nel suo genere per porsi insieme le domande giuste e riflettere sulle possibili strade da seguire per rilanciare la crescita”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.