Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Sanità: sostegno al terzo settore, ok la proposta di legge

Via libera a maggioranza, nella commissione presieduta da Stefano Scaramelli. Il testo passa ora alla discussione dell'aula

La commissione sanità, presieduta da Stefano Scaramelli (Italia Viva), con 6 voti a favore (Pd, Italia Viva e Serena Spinelli del gruppo Misto) e 4 astenuti (M5S, Sì-Toscana a Sinistra , Lega e Monica Pecori del gruppo Misto), ha licenziato la proposta di legge Norme di sostegno e promozione degli enti del Terzo settore.

Come ha sottolineato il presidente Scaramelli, “in un clima di collaborazione fra tutte le forze politiche abbiamo mantenuto l’impegno di portare la legge al voto del Consiglio regionale. La Toscana sarà la prima regione d’Italia a dotarsi di un testo autonomo, che si richiama alla normativa nazionale, e che, dando risposte a quanto emerso dalle consultazioni con gli addetti ai lavori, creerà opportunità per i soggetti del Terzo settore, rendendoli anche attori istituzionali nella fase della progettazione”.

Il testo della legge è stato arricchito anche con il contenuto di due blocchi di emendamenti: il primo blocco presentato dal presidente Scaramelli (Italia Viva) e dal consigliere Enrico Sostegni (Pd); l’altro presentato sempre da Scaramelli, da Enrico Sostegni, Nicola Ciolini, Paolo Bambagioni, Ilaria Giovannetti e Leonardo Marras del Pd, e da Serena Spinelli (gruppo Misto). Respinti, invece, gli emendamenti presentati da Monica Pecori (gruppo Misto) con Paolo Sarti e Tommaso Fattori (Sì-Toscana a Sinistra) e da Irene Galletti (M5S).

“La legge – ha aggiunto Scaramelli – introduce novità importanti. È servito un anno di lavoro, ma si trattava di un testo complesso, importante e non banale che ha richiesto ascolto e valutazioni attente”.

L’atto ha lo scopo di adeguare la disciplina regionale a quella nazionale, dopo l’approvazione nel 2017 del Codice del terzo settore. L’obiettivo è quello di promuovere e sostenere gli enti del terzo settore e le altre formazioni sociali, coinvolgendoli in tutto il processo decisionale. In particolare si rende sistematica la collaborazione tra questi enti e la pubblica amministrazione, prevedendo regole precise riguardo alla co-programmazione e alla co-progettazione. La proposta di legge prevede anche che le pubbliche amministrazioni possano stabilire diverse agevolazioni per il terzo settore, come la concessione per un massimo di trenta anni di beni mobili e immobili, l’utilizzazione non onerosa di beni per iniziative temporanee per attività di interesse generale e forme speciali di partenariato.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.