Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Toscani nel mondo, via libera dell’assemblea toscana alla nuova legge regionale

Baccelli: " In tempi di sovranismi rafforziamo la conoscenza della nostra storia di migranti"

Via libera definitivo del Consiglio regionale alla rinnovata legge 161 su Attività europee e di rilievo internazionale della Regione Toscana, modificata grazie agli oltre trenta emendamenti proposti dal consigliere regionale Pd e presidente della Commissione Ambiente e territorio, Stefano Baccelli.

“Rinnoviamo gli organismi di rappresentanza delle associazioni dei toscani nel mondo e salvaguardiamo il ruolo e la forza di queste realtà. Voglio esprimere grande soddisfazione poiché siamo riusciti a recuperare e valorizzare, pur modificando la disciplina regionale, le rappresentanze delle associazioni dei toscani nel mondo – afferma Baccelli -. Riconosco l’importanza che queste realtà ricoprono nel mantenere vivo un rapporto culturale e non solo con le comunità, proprio perché provengo da un territorio in cui il ruolo dell’associazione dei lucchesi nel mondo è molto forte e rappresentativo della nostra storia”.

Ricordo che la Regione Toscana si è sempre contraddistinta per il legame proficuo con tutti quei toscani che hanno avuto una storia di emigrazione; una storia che in molti casi ha contribuito a guidare città, fondare imprese, contribuire a far crescere i territori – dice Baccelli -. In tempi di sovranismi abbiamo voluto rafforzare un legame di continuità generazionale, di conoscenza della nostra storia di migranti e un’occasione anche economica e promozionale della Toscana, dei nostri territori, della nostra qualità della vita e della capacità di accoglienza. Negli emendamenti che ho presentato ho raccolto quelle che erano state le sollecitazioni pervenute in questi anni dei coordinamenti dei toscani nel mondo e della rappresentanza dell’associazione Lucchesi nel Mondo”.

“Da un lato – spiega il congliere – c’era bisogno di una valorizzazione di queste realtà, che sono uno strumento fondamentale per assicurare un legame con la storia di questa emigrazione, implementare la nostra identità e, in una prospettiva di sviluppo economico, promuovere un reciproco rafforzamento. Dall’altro, c’era necessità di avviare un processo di alleggerimento e semplificazione degli organismi rappresentativi. Con un emendamento presentato oggi (7 lugli) in aula aggiungo un ulteriore tassello: la possibilità di promuovere l’attività di ricerca sull’emigrazione dei toscani nel mondo, un passaggio cruciale che auspico possa essere accolto e introdotto dalle istituzioni regionali: uno strumento che rafforza, anche in questo senso, la nostra storia, e la nostra storia di migranti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.