Quantcast

Pazienti oncologici, intesa con la don Baroni per l’assistenza a domicilio

L'accordo avviene grazie allo sviluppo dei servizi sanitari e socio-sanitari e dal rafforzamento della rete del volontariato

Una nuova importante intesa è stata firmata nella sede della Cittadella della salute Campo di Marte fra la Zona distretto della Piana di Lucca e l’associazione Don Franco Baroni onlus nell’ambito del percorso assistenziale domiciliare a favore di persone affette in particolare da patologie oncologiche nella fase palliativa.

L’accordo riguarda infatti l’assistenza psicologica, spirituale e di sollievo alle famiglie, un servizio che integra la rete delle cure palliative domiciliari nella Zona distretto Piana di Lucca che sta attraversando una fase di importante cambiamento.

Sta infatti cambiando in maniera significativa l’idea del ricorso indiscriminato alle strutture residenziali, per privilegiare invece l’assistenza al proprio domicilio, in cui le persone si sentono più protette e rassicurate.

Ciò avviene da una parte attraverso lo sviluppo dei servizi sanitari e socio-sanitari e dall’altra tramite, appunto, il rafforzamento della rete del volontariato per il sostegno psicologico, spirituale e di sollievo alle famiglie.

La Zona distretto Piana di Lucca, con i propri servizi dedicati – in particolare l’unità funzionale cure palliative diretta da Andrea Bertolucci e l’unità operativa Infermieristica territoriale – e l’associazione Don Franco Baroni onlus, con differenti ma altrettanto efficaci strumenti, si muovono all’interno di questo cambiamento cercando di adeguare e perfezionare il rispettivo know-how alla luce dei bisogni emergenti.

“L’obiettivo del protocollo d’intesa – sottolinea il direttore della Zona distretto di Lucca Luigi Rossi – è quello di offrire, nell’ambito della collaborazione e delle sinergie territoriali tra la nostra Azienda e le associazioni presenti sul territorio, l’opportunità per i pazienti in fase terminale e che necessitano di cure palliative di trovare nella rete così costituita tutte le prestazioni e i supporti a queste terapie, necessari per il mantenimento al domicilio e l’accompagnamento consapevole”.

“Con questa nuova intesa – aggiunge Paolo Mandoli, presidente dell’associazione Don Franco Baroni onlus, insieme al vice presidente Giuseppe Del Carlo – si rilancia il nostro ruolo storico avviato fin dalla primavera 1997 e che dal gennaio 2014 ha portato medici e infermieri della nostra associazione a operare a domicilio anche attraverso la Cooperativa La Salute, in un rapporto di collaborazione esclusiva, sostenuto dalla condivisione di politiche sociali e della consapevolezza che la solidarietà si costruisce mettendo a disposizione della comunità in modo sinergico risorse e competenze diverse, pubbliche e private, professionali e volontarie”.

“La partecipazione del terzo settore nell’erogazione dei servizi di cure palliative – commenta Costanza Galli, direttore rete aziendale cure palliative – è nella nostra azienda storica e consolidata. Il paziente affetto da patologie gravi e a prognosi infausta presenta bisogni assistenziali complessi non solo fisici ma anche, e certe volte, soprattutto, psicologici e spirituali. Poter contare, quindi, sulla presenza di figure quali lo psicologo, l’arteterapista, l’assistente spirituale permette di accompagnare il paziente in modo olistico. Inoltre queste figure sono di importante supporto anche ai familiari e alla rete amicale e sociale. Valorizzare l’assistenza non solo clinica e fisica ma anche spirituale e psicologica, vuol dire riconoscere la piena dignità alla persona malata, dignità che alcune volte per le condizioni di estrema sofferenza potrebbe essere messa in discussione. le cure palliative invece affermano la vita come un bene prezioso da curare e custodire fino all’ultimo giorno. E’ con grande gratitudine quindi che accogliamo questo impegno dell’associazione Don Baroni”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.