Frediani scrive a Mattarella: “Tutela dei caregivers familiari, disegno legge prosegua iter”

Appello dell'assessore alla disabilità dopo la tragedia di Carpi

Dopo la tragedia avvenuta giovedì scorso a Carpi, l’assessore alla disabilità del Comune di Capannori, Serena Frediani, ha scritto una lettera al Presidente della Repubblica con la quale chiede che il disegno di legge sul riconoscimento e la tutela del lavoro dei Caregivers familiari, ovvero coloro che si prendono cura dei familiari con disabilità, da troppo tempo fermo nell’Undicesima Commissione del Senato, proceda il proprio iter e venga presto calendarizzato nei lavori del Senato. Il tema della disabilità è al centro dell’attenzione dell’amministrazione Menesini che ha attivato il Tavolo della disabilità’ e ha avviato l’iter per istituire la figura del Garante della Disabilità.

“La tragedia avvenuta giovedì a Carpi, dove la disperazione di un padre lo ha spinto ad uccidere il proprio figlio con disabilità e poi a togliersi la vita, non può lasciarci indifferenti – scrive nella lettera l’assessore Frediani.-.
La grande forza del nostro Paese consiste nella precisa volontà, indicata anche dai nostri Padri Costituenti, di non lasciare indietro ‘nessuno’. Non è dunque possibile pensare di lasciare indietro proprio le famiglie al cui interno si trovano situazioni di grande fragilità, che costituiscono oltre il 5% della popolazione italiana. Eppure da troppo tempo giace fermo nell’Undicesima commissione del Senato il disegno di legge 1461, che si pone un obiettivo semplice ma doveroso in uno stato di diritto come il nostro: riconoscere e tutelare il lavoro dei Caregivers familiari, coloro che si prendono cura con amore, spesso per tutta la vita, dei loro familiari con disabilità. Tutela riconosciuta in moltissimi Paesi europei”.

“In questo periodo di emergenza sanitaria, con la chiusura forzata di scuole e centri diurni, la situazione di carico dei Caregivers si è aggravata ancora di più – scrive ancora Frediani. Secondo una stima, chi si prende cura in modo continuativo di un familiare con disabilità ha una aspettativa di vita inferiore di almeno 10 anni agli altri. Un vero e proprio lavoro usurante senza tutela alcuna. Oltre l’80% di queste persone sono donne, spesso costrette a lasciare il proprio lavoro per accudire un figlio con disabilità grave. E’ un disegno di legge, il 1461, che prevede solo alcune detrazioni fiscali e una contribuzione figurativa di tre anni per i Caregivers, però è un punto di partenza importante per far sentire alle famiglie dei nuclei più fragili l’interessamento delle Istituzioni verso un mondo che per sua natura urla poco, e a testa china affronta ogni giorno le proprie difficoltà finchè, qualche volta cede, come accaduto al padre di Carpi ieri”.

“Le chiedo con forza di attivarsi perché il disegno di legge 1461 venga presto calendarizzato nei lavori del Senato – conclude Frediani, e perché i portatori di interesse in tema di Disabilità siano ascoltati e possano contribuire ad apportarvi modifiche migliorative per la vita di tante famiglie, del nostro territorio come di tutto il Paese, che oggi contribuiscono a sostenere il nostro sistema sociale con la loro opera del tutto volontaria”.
La lettera è stata inviata anche al Presidente del Senato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.