Pari opportunità, la Provincia lancia il progetto ‘Lucca family net’

L'obiettivo è quello di conciliare i tempi di vita con quelli del lavoro

Conciliare i tempi di lavoro con le ore da dedicare alla famiglia, ottimizzare l’equilibrio tra le responsabilità professionali e quelle familiari con una migliore ripartizione di queste tra marito e moglie, o comunque tra i componenti della famiglia. A questo punta il progetto Lucca family net promosso dalla Provincia di Lucca, approvato da un recente decreto firmato dal presidente Luca Menesini e finanziato con 100 mila euro dal dipartimento delle politiche per la famiglia della presidenza del Consiglio dei ministri. Un progetto elaborato dal servizio coordinamento politiche al cittadino e alla comunità, pari opportunità, rete scolastica, valorizzazione dei beni culturali, statistica e comunicazione della Provincia, con il contributo e la collaborazione della consigliera di parità provinciale di Lucca.

“L’emergenza della pandemia – spiega la consigliera provinciale Maria Teresa Leone con delega alle pari opportunità – ci ha dimostrato che la necessità di coniugare al meglio i tempi di vita e di lavoro è una necessità e non un opzione. E il nostro progetto ha lo scopo di rispondere soprattutto alle esigenze delle donne che sono i soggetti indubbiamente più appesantiti dal ‘doppio ruolo’: la quotidianità professionale è intrecciata alla quotidianità del vivere sociale dell’individuo ma la prima riguarda in particolare le condizioni in cui questa attività lavorativa si svolge. Le istituzioni tutte sono chiamate a tutelare il lavoro femminile che spesso è il più penalizzato per vari motivi. Ecco quindi che una diversa e migliore organizzazione del lavoro diventa fondamentale. Lucca Family net non guarda solo la lavoro dei dipendenti dell’ente ma si rivolgerà anche ai Comuni del territorio e ad alcune imprese private”.

Più nel dettaglio il progetto Lucca family net si declinerà in quattro azioni principali. La prima riguarda un’attività di promozione e sensibilizzazione delle best pratices riconosciute a livello nazionale ed internazionale sul tema della conciliazione lavoro/famiglia. Il secondo step è relativo alla formazione di un gruppo di specialisti chiamato, appunto, a diffondere una cultura organizzativa family friendly e per offrire nuove competenze al personale già inserito nell’organizzazione. Il terzo gradino è quello della certificazione ‘Family audit’ della Provincia di Lucca: un percorso di cambiamento culturale, manageriale e organizzativo che consenta di adottare una politica di gestione del personale orientata al benessere dei dipendenti e delle loro famiglie. Il quarto e ultimo punto, infine, riguarda l’elaborazione da parte della Provincia di Lucca di un bando rivolto i Comuni e al settore privato per l’attuazione di una sperimentazione provinciale mirata alla promozione di una nuova cultura di gestione delle risorse umane negli enti pubblici, nelle imprese private e nelle organizzazioni no profit.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.