Anffas Lucca, riaprono i centri diurni del ‘Progetto lavoro’ foto

Dal 1 giugno i ragazzi potranno ritornare gradualemente nei laboratori

Da lunedì (1 giugno) riapriranno anche i centri diurni per disabili di Anffas Lucca. Dopo 77 giorni di stop dovuto all’emergenza sanitaria riprenderanno le attività del servizio progetto lavoro nei centri A casa nostra di San Pietro a Vico, Pitù di San Vito e Terra nostra di Carraia. Torneranno i laboratori di falegnameria e di ceramica e i ragazzi potranno riacquistare una parte importante delle loro giornate e della loro vita precoronavirus. Quella della socialità, del lavoro manuale, di piccole grandi competenze stimolate dallo stare assieme, sostanza del progetto avviato nei primi anni ’80 dagli operatori di Anffas.

Il ritorno alla normalità sarà graduale. Gli operatori e i ragazzi (in tutto oltre novanta, di cui un primo gruppo di quaranta avvierà subito le attività) dovranno fare i conti con le mascherine sul volto, la distanza di sicurezza, forse anche con un po’ di paura e soprattutto dovranno recuperare serenità, autonomie, competenze e abilità cognitive. In un primo tempo, ogni centro ospiterà a rotazione sei ragazzi e tre operatori. Per ogni utente sarà definito un percorso di frequenza personalizzato, salvo casi di accertata alta difficoltà familiare. Questo per garantire il coinvolgimento del maggior numero di utenti possibile. L’inserimento dei ragazzi nei centri avverrà per step graduali, mantenendo attivi quando necessario i servizi sostitutivi già esistenti, come quello domiciliare e i contatti tramite videochiamate. Sulla base dell’evoluzione generale dell’infezione covid19, e quindi delle misure di sicurezza necessarie, le maglie della rete di protezione potranno essere allargate e questo potrà consentire il passaggio al livello successivo con l’arrivo di ulteriori utenti.

Durante i due mesi di lockdown i ragazzi dei centri diurni e le loro famiglie non sono stati lasciati soli da Anffas. Gli operatori e i coordinatori, che già da prima della chiusura vera e propria stavano monitorando le condizioni degli utenti e le dinamiche familiari, hanno fatto il possibile per creare occasioni di incontro e proporre attività da fare a casa. Una telefonata, una videochiamata, il suggerimento di schede didattiche per mantenere le capacità di lettura e scrittura, scambi di ricette, qualche esercizio di danzaterapia e psicomotricità con vere e proprie sessioni didattiche. Ma anche l’ascolto dei problemi che le famiglie stavano affrontando, la manifestazione di una vicinanza, qualche consiglio pratico per la gestione di una quotidianità per alcuni davvero troppo pesante. Accanto a questa attività, in accordo con i Comuni della Piana e con l’Azienda Usl, sono stati avviati già dal mese di aprile gli interventi a carattere domiciliare per i casi più urgenti, per rompere quella barriera di solitudine che l’epidemia ha purtroppo generato.

La riapertura del primo giugno sarà possibile grazie a una apposita delibera della Regione Toscana e al progetto che l’associazione e i suoi responsabili, tra cui il direttore Manuel Graziani e la coordinatrice Ilaria Fabbri, hanno approntato a tempo di record.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.