Una rete di supporto alle famiglie, parte il percorso

Tre appuntamenti per promuovere i progetti di assistenza

Sta per partire un percorso a tre tappe per tessere una rete di supporto alle famiglie della Piana di Lucca. Si tratta della proposta Lucca In… Famiglia che si terrà nei due mesi di ottobre e novembre, con tre iniziative mirate ad un obiettivo ambizioso ma condiviso da Comune di Lucca, Communitas, Lucca In e So&coforma.

“In un tempo in cui le famiglie sono messe a dura prova dalla gestione quotidiana del lavoro e della vita familiare, con questa iniziativa il Comune di Lucca vuole favorire nuove forme di collaborazione fra soggetti pubblici e privati per rispondere ai bisogni reali delle famiglie del nostro territorio”, sostiene l’assessora alle attività formative del Comune di Lucca Ilaria Vietina.

Saranno coinvolte famiglie, cittadini, istituzioni, realtà del terzo settore, imprese perché nel complesso momento storico che stiamo vivendo ogni voce e ogni contributo è utile a tessere reti solidali e di condivisione. Tutto partirà con un webinar intitolato: Una comunità a supporto delle famiglie: esempi di reti territoriali e di conciliazione famiglia-lavoro.

Si terrà il 9 ottobre con orario 17-19,30 e saranno presentate e discusse esperienze di conciliazione e di reti realizzate in diversi contesti. Dopo una introduzione sul progetto Lucca In e le attività di supporto alle famiglie che sta portando avanti, interverrà Ilaria Vietina. Poi sarà la volta a seguire di Carlotta Berionni, Ricercatrice Università Ca’ Foscari di Venezia, su Creare reti di solidarietà tra famiglie: il Progetto Family Share di Bologna; Vincenza Nastasi, Responsabile dei progetti di conciliazione della cooperativa La Grande Casa di Sesto San Giovanni, su “Costruire servizi di supporto familiare per i dipendenti di imprese cooperative”; Patrizia Galantini – Responsabile ufficio pari opportunità Unione Comuni Terre d’Argine Modena, su “Costruire una Rete di Welfare Aziendale Territoriale: il caso dei comuni Terre d’Argine”; Debora Nicoletto, Coordinatrice dei distretti famiglia della provincia di Trento su Come un intero territorio può collaborare per supportare le famiglie: i distretti famiglia del Trentino. Infine chiuderà il webinar su Favorire la conciliazione famiglia-lavoro a Lucca: il progetto Lucca Family net Teresa Leone, consigliera delegata provincia di Lucca.

Se la tappa iniziale del percorso si terrà da remoto, le altre due, nel rispetto delle normative vigenti anti-covid, si terranno in presenza. Una alla Casermetta di San Paolino venerdì (24 ottobre) dalle 10 alle 17 dal titolo Verso un patto di comunità per fornire supporto alle famiglie. L’obiettivo di questa seconda tappa è di attivare una progettualità locale, creando un collegamento fra le esperienze che sono state presentate, le esigenze e le possibilità del territorio. Dopo un momento iniziale di presentazione i partecipanti lavoreranno divisi in tavoli tematici con l’assistenza di facilitatori. L’altra, intitolata Avvio della rete (sede e orari ancora da definire) servirà a riflettere sul senso del “patto” affrontato nel precedente incontro e si metterà a fuoco l’organizzazione necessaria, si definiranno i ruoli e le regole di base per il funzionamento della rete e si stabiliranno alcune attività. La partecipazione agli incontri è gratuita ma per ragioni organizzative è necessario iscriversi mandando un’email a luccainfamiglia2020@gmail.com.

Questo percorso è realizzato all’interno del progetto Lucca In, promosso dal Comune di Lucca e finanziato all’interno del Fondo per il contrasto alla povertà educativa ed è realizzato in collaborazione con Lucca Family net dove poi concretamente confluirà per garantire la continuità anche dopo la conclusione del progetto Lucca In e farlo diventare un elemento stabile del sistema dei servizi alle famiglie nella Piana di Lucca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.