Contagi nelle Rsa, i sindacati: “Subito un tavolo con Comuni, Asl e prefettura”

La richiesta del presidente di Fisascat Cisl Toscana nord dopo i casi delle tre strutture focolaio

Dopo l’aumentare dei contagi all’interno delle case di riposo per anziani del territorio i sindacati chiedono un incontro con prefettura, comuni e Asl per studiare le modalità operative in grado di affrontare i problemi delle Rsa.

“In merito alla situazione epidemiologica che sta interessando la nostra provincia con numeri di contagiati in aumento giorno dopo giorno, si pone con urgenza la questione delle case di riposo per anziani, che necessitano di un intervento immediato da parte delle istituzioni –  premette Giovanni Bernicchi, segretario Fisascat Cisl Toscana nordIn pochi giorni tre grandi strutture sul nostro territorio sono state teatro di un numero di contagi impressionante, che in alcuni casi hanno interessato la quasi totalità degli ospiti, Coreglia in particolare dove risultano contagiati 23 su 24 ospiti, oltre alla preoccupazione per gli anziani, il livello di guardia è alto per tutti gli operatori che in diretto contatto con degenti rischiano quotidianamente la propria salute pur garantire un servizio continuo e necessario per chi alloggia nelle strutture con carichi di lavoro estenuanti”.

“I casi che si stanno manifestando – continua Bernicchi – rischiano di superare il numero riscontrato durante la prima ondata, per cui chiediamo di attivare fin da subito un tavolo al quale prendano parte tutte le istituzioni interessate, Ppefettura, Comuni e Asl per determinare modalità operative in grado di affrontare nella sicurezza massima consentita questa emergenza, per il bene di tutti gli ospiti e di tutti gli operatori coinvolti. Attendiamo nel più breve tempo possibile una convocazione da parte della Asl, ovviamente nelle modalità previste dall’ultimo decreto”.

Infine i sindacati chiedono di prestare attenzione alla situazione dei supermercati. “Per quanto riguarda i supermercati ci risulta che siano emersi alcuni contagi nella Piana – fa sapere Bernicchi – Il decreto non ha introdotto novità particolari al riguardo, ma servono restrizioni e controlli. Purtroppo in alcune situazioni e a certi orari si stanno creando assembramenti, e i clienti non sempre rispettano le regole”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.