Giornata internazionale contro la violenza di genere, si mobilità la Cgil

I manifesti di tre artisti della provincia di Lucca affissi da domani (20 novembre) per sensibilizzare sul tema

Si celebra il 25 novembre la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. E la Cgil si prepara a onorare nel migliore dei modi la ricorrenza.

“I dati sono purtroppo allarmanti – dicono la segretaria provinciale Mariarosa Costabile assieme alla segretaria della Lega Spi della Piana Lucca e responsabile del coordinamento Donne dello Spi provinciale, Manuela Bianchi – una donna su tre ha subito una qualche forma di violenza,in casa, a lavoro, violenza fisica, sessuale, psicologica, economica, stalking e il terreno si è esteso anche nel mondo online sopratutto tra le giovani spesso minorenni che ricevono minacce e intimidazioni. Una persona spesso vive più tipi di violenza contemporaneamente, per questo il fenomeno va affrontato nella sua complessità all’interno di un quadro generale anche con le amministrazioni provinciali”.

“L’assuefazione di tutti noi – dicono le sindacaliste – alle pubblicità sessiste che contengono stereotipi negativi è la cosa peggiore, con esse si trasmettono senza volere alle nuove generazioni: immagini, comportamenti, linguaggi, sino ai testi obsoleti dei libri scolastici.  Un altro dato sconcertante è che le donne di ogni età non denunciano abbastanza. Le ipotesi di tale reticenza sono diverse, per paura, per mancanza di un’ autonomia economica che potrebbe permettere loro di liberarsi e allontanarsi da situazioni di violenza domestica, per mancata percezione che quello che loro accade è violenza e può essere fermata perché esistono leggi e lo Stato dovrebbe essere dalla loro parte”.

La campagna di sensibilizzazione promossa dal Coordinamento donne Spi Cgil provinciale e dalla Cgil provinciale, in occasione del 25 novembre, Giornata contro la violenza di genere, partirà domani (20 novembre) con affissioni di manifesti creati da artisti della provincia, Giorgio di Giorgio di Viareggio, Debora Fulceri di Lucca e Morena Guarnaschelli di Bagni di Lucca, contenenti immagini e testi differenti “tesi a far riflettere – spiegano dalla Cgil – sul fatto che ognuno di noi è protagonista di un cambiamento sociale e culturale che, rifiuti la violenza e promuova relazioni positive e rispettose della dignità delle persone. Per questo è importante che il 25 novembre, anche in un periodo difficoltoso come questo della pandemia dove non è possibile incontrarci fisicamente, grazie all’uso della tecnologia possiamo sensibilizzare l’intera cittadinanza condividendo l’iniziativa attraverso i social”.

“C’è bisogno che i cittadini, uomini e donne – chiude la nota – si assumano la responsabilità della propria cittadinanza e cambino la loro attitudine, i loro comportamenti, la loro percezione e atteggiamento scettico nei confronti della violenza. C’è bisogno che la violenza sulle donne venga riconosciuta e che venga prima di tutto contrastata nel vivere quotidiano di ognuno di noi“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.