Quantcast

A Lucca il 20 aprile incontro per la prevenzione oncologica in ginecologia

Appuntamenti e screening in occasione della giornata nazionale della salute della donna

In occasione della Giornata nazionale della salute della donna, che si celebra il 22 aprile, Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, organizza la sesta edizione dell’(H)Open Week dal 19 al 25 aprile. Negli ospedali del network Bollini Rosa, che attualmente conta 335 strutture, Onda dedica una settimana alla salute della donna con l’obiettivo di promuovere l’informazione e i servizi per la prevenzione e la cura delle principali patologie femminili.

In questo ambito martedì (20 aprile) dalle 8,30 alle 12.30 nella sede del Punto Donna della Cittadella della Salute Campo di Marte le donne lucchesi potranno approfondire con un ginecologo le problematiche della prevenzione oncologica femminile prenotando al numero telefonico 0583.970120 il mercoledì ed il venerdì dalle 9 alle 12.

“La prevenzione oncologica – evidenzia il direttore dell’Unità operativa complessa di ostetricia e ginecologia dell’ospedale San Luca di Lucca Gian Luca Bracco – è l’arma vincente per sconfiggere il tumore degli organi genitali, che è adesso un evento raro nella popolazione residente grazie alla capillare diffusione del pap-test. È infatti fondamentale poter disporre di uno screening adeguato ed efficiente. Anche lo stile di vita è comunque fondamentale, perché è ormai noto come, ad esempio, l’obesità possa favorire lo sviluppo del carcinoma endometriale. Per il tumore dell’ovaio, purtroppo, ad oggi non c’è uno screening di massa che sia risultato efficace, ma certamente per le donne sottoporsi annualmente alla visita ginecologica e all’ecografia pelvica trasvaginale può essere d’aiuto per scoprire le forme iniziali e quindi curabili e guaribili di questo carcinoma così aggressivo. Inoltre, il colloquio con il ginecologo permette di capire eventuali predisposizioni genetiche per il tumore dell’ovaio, ma anche del seno”.

La giornata del 20 aprile è quindi dedicata a sensibilizzare ancora un volta la popolazione femminile a sull’importanza della prevenzione, grazie alla disponibilità del personale del Punto Donna e nello specifico di un ginecologo dello staff dell’ostetricia e ginecologia di Lucca.

La struttura diretta dal dottor Bracco è ormai da anni all’avanguardia nel trattamento anche mininvasivo dei tumori maligni ginecologici. Da circa due anni, inoltre, il primario può eseguire questi interventi anche con robot al centro multidisciplinare di chirurgia robotica dell’università di Pisa dove patologie rilevanti possono essere trattate con efficacia ancora maggiore grazie alla straordinaria precisione di queste apparecchiature, con vantaggi rilevanti per le pazienti: oltre la mininvasività, anche la riduzione dei tempi ospedalieri e una ripresa postoperatoria più rapida.

Attraverso i circa 180 ospedali premiati con i Bollini Rosa, che hanno aderito all’iniziativa, in tutta Italia nel periodo dal 19 al 25 aprile vengono offerti gratuitamente diversi servizi come quelli garantiti all’ospedale di Lucca nell’ambito di diverse aree specialistiche: cardiologia, dermatologia, diabetologia, dietologia e nutrizione, endocrinologia e malattie del metabolismo, geriatria, ginecologia e ostetricia, medicina della riproduzione, neonatologia e patologia neonatale, neurologia, oncologia ginecologica, oncologia medica, pediatria, psichiatria, reumatologia, senologia, urologia e violenza sulla donna.

“Si rinnova per la sesta volta l’iniziativa dedicata alla salute delle donne negli ospedali italiani, ancora più preziosa in questo momento di emergenza sanitaria che in verità si prolunga da un anno – commenta Francesca Merzagora, presidente di Fondazione Onda -. La prevenzione resta un tema centrale: eppure secondo il terzo rapporto di Salutequità è in aumento la rinuncia alle cure dei pazienti non-covid-19. E sono soprattutto le donne a rinunciare alle cure, in tal modo evidenziando quanto questa pandemia le abbia colpite sul piano fisico, psichico, professionale e sociale. Le malattie oncologiche, croniche, i servizi dedicati alla gravidanza, sono alcuni esempi di patologie ‘dimenticate’: ci auguriamo che questa settimana alla quale hanno aderito circa 180 ospedali con i Bollini Rosa possa offrire la possibilità a tante pazienti di tornare ad occuparsi della loro salute”.

A partire dallo scorso  6 aprile sono consultabili sul sito www.bollinirosa.it tutti i servizi offerti con indicazioni su date, orari e modalità di prenotazione. Sarà possibile selezionare la Regione e la Provincia di interesse per visualizzare l’elenco degli ospedali che hanno aderito e consultare il tipo di servizio offerto.

L’iniziativa gode del patrocinio di 22 società scientifiche ed è resa possibile anche grazie al contributo incondizionato di Cristalfarma, Daiichi-Sankyo, Exact Sciences e Prodeco Pharma.

Per maggiori informazioni, visitare il sito www.bollinirosa.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.