Quantcast

Laboratori di inclusione, l’atleta paralimpico Andrea Lanfri incontra gli studenti del Giorgi foto

Un appuntamento inserito nel progetto narrativo portato avanti dal Panathlon Club di Lucca nell’ambito dei progetti educativi zonali

Proseguono gli incontri dell’atleta paralimpico Andrea Lanfri con gli studenti lucchesi. Oggi (19 aprile) Andrea ha parlato ai ragazzi dell’istituto professionale Giorgi e condiviso con loro la propria esperienza di vita e di sport.

Un nuovo appuntamento organizzato come laboratorio e progetto narrativo portato avanti dal Panathlon International Club di Lucca nell’ambito dei progetti educativi zonali, finanziati dalla Regione Toscana ed elaborati dalla Conferenza zonale per l’educazione e l’istruzione insieme a vari enti e associazioni del territorio. Il  “laboratorio di inclusione” vede come protagonisti, a turno, tre campioni paralimpici: oltre a Lanfri, Stefano Gori e Sara Morganti.

Lanfri ha raccontato agli studenti la sua storia: dalla terribile malattia (meningite fulminante con sepsi meningococcica) che l’ha colpito in modo improvviso nel 2015 alla rinascita e ai successi paralimpici fino al suo ritorno in montagna con arrampicate in parete, effettuate con le protesi, sulle vette più alte e impervie del mondo. Nelle sue attuali attività sportive Andrea ha battuto ogni record personale: 11 paia di protesi consumate, 13 medaglie vinte, 7.246 metri l’altitudine massima raggiunta, 10 mila chilometri percorsi in bici in giro per il mondo.

“Quando mi alleno per una nuova sfida – spiega Andrea – condivido la mia esperienza per motivare le persone a superare le difficoltà della vita, piccole o grandi che siano, per dimostrare che i limiti in realtà non sempre sono reali. Partecipo volentieri a questi incontri nelle scuole  e mi rende felice che un mio intervento possa essere stato di aiuto a qualcuno che aveva solo bisogno di vedere che tutto è possibile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.