Quantcast

Charity Event, torna a Villa Bottini la sfilata di solidarietà

L'appuntamento, su invito, mira a raccogliere fondi per aiutare i percorsi di studio di giovani in difficoltà e povertà. Tra i beneficiari anche il Villaggio del fanciullo

La terza edizione del Charity Event è alle porte. Giovedì 23 settembre l’appuntamento a sostegno dei percorsi di studio per bambini e ragazzi che vivono situazioni di difficoltà e povertà è a Villa Bottini a partire dalle 17. E sarà esclusivamente su invito.

L’evento è a cura della Lqv design, casa di moda fondata da Lisa Quaratesi Vincenzini, e dell’associazione Città a matita, ente culturale, la cui presidentessa è Rugiada Salom, focalizzato sulla valorizzazione delle eccellenze presenti sul territorio lucchese.

“Villa Bottini – commentano gli organizzatori – racconta la bellezza di Lucca, nelle forme architettoniche, negli interni affrescati, nel meraviglioso giardino: un sentito ringraziamento al sindaco Alessandro Tambellini e all’amministrazione comunale di Lucca per il supporto ricevuto”.

Per la prima volta insieme agli abiti di Lqv design saranno presenti anche gli abiti donati dal Sovrano militare Ordine di Malta delegazione di Pisa, prestigioso partner del progetto e i cui membri sono attivi sostenitori dell’iniziativa. Alcuni degli abiti donati sono creazioni dell’Atelier Ricci di Lucca, presente anche quest’anno con Patrizia Ricci che si occupa del coordinamento della sfilata.

charity event

E le novità non finiscono qui. Altri due brand di moda hanno realizzato in esclusiva per l’evento le loro creazioni in partnership con Lqc design: si tratta di MyStyle Bags, la collezione di borse personalizzabili, in pelle e tessuto, che saranno disponibili in edizione limitata con brand Lqv durante il Charity, e le cinture meravigliose di Eleonora Lucifero, che impreziosiscono ogni genere di abito.

Lqv design racconta l’India attraverso la moda diventando strumento di sostegno per persone in difficoltà, soprattutto bambini, in particolare quelli ospitati dalla Mango Tree Goa, a cui saranno devoluti come sempre parte dei proventi raccolti quest’anno durante l’evento, e che Lisa Quaratesi Vincenzini visita periodicamente, dal 2008 per rendersi conto personalmente della realtà locale. Uno di questi viaggi è stato documentato dalla regista Lavinia Andreini, dell’associazione culturale Polyedric visions, tramite immagini che raccontano le piccole realtà produttive di tessuti e la magia dei luoghi che ispirano tutt’ora Lisa nella sua produzione: il trailer del docufilm The colours of India sarà in visione durante il Charity Event .

Prosegue la collaborazione con il Villaggio del fanciullo, ente che dal 1947 accoglie bambini e ragazzi in difficoltà contribuendo al loro mantenimento ed educazione, a cui saranno devoluti parte dei proventi dell’evento.

L’accesso al Charity Event è consentito solo con green pass in corso di validità, seguendo tutte le procedure richieste nel rispetto delle norme anti-covid19. L’evento è esclusivamente su invito. Sarà in ogni caso possibile visionare e acquistare gli abiti proposti attraverso il Charity Event allo showroom di Lqv design tutte le mattine da lunedì 27 settembre a venerdì 1 ottobre, su appuntamento da prenotare contattando il numero 345-7115177. L’iniziativa è stata patrocinata dal Comune di Lucca e dall’associazione Lucchesi nel mondo.

L’organizzazione ringrazia la Tenuta del Buonamico per la selezione dei vini offerti in degustazione, la profumeria Franca e il parrucchiere Franco Giaquinto per il supporto operativo. Per chi fosse interessato a sostenere Villaggio del Fanciullo e Mango Tree Goa Trust, i riferimenti bancari sono i seguenti: Villaggio Del Fanciullo: Banca Del Monte di Lucca spa – sede di Lucca, piazza San Martino, 4. Iban Villaggio Del Fanciullo: IT27 Y069 1513 7010 0005 0815 280. Mango Tree Goa: Mango Tree Goa, Iban Mango Tree Goa: GB72 CPBK 089 2996 5564 316, Bic: CPBK GB22.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.