Quantcast

Programma “Imprese vincenti 2021”, fra i vincitori anche la cooperativa lucchese Odissea

Il digital tour di Intesa Sanpaolo dedicato alla valorizzazione delle piccole e medie imprese italiane

Capaci di offrire un supporto fondamentale nel periodo Covid alle comunità di riferimento e in grado di reinventarsi per continuare a erogare i propri servizi nei momenti più complessi della pandemia con un ruolo fondamentale nel welfare sociale. Queste le imprese vincenti presentate durante la tappa Impact, l’ottava e ultima tappa del digital tour Imprese Vincenti 2021 che Intesa Sanpaolo dedica alla valorizzazione delle piccole e medie imprese italiane.

Giunto alla terza edizione, il programma Imprese Vincenti ha selezionato quest’anno 112 aziende concentrando l’attenzione sui fattori di successo delle Pmi nel particolare contesto economico segnato dagli effetti della pandemia. La tappa Impact ha visto la partecipazione di 14 cooperative sociali vincenti: Abibook societa’ cooperativa onlus (Brescia), Assel – assistenza e lavoro cooperativa sociale (Avellino), Cooperativa itaca società cooperativa sociale onlus (Pordenone), Cooperativa sociale di solidarietà promozione lavoro (Verona), Cooperativa sociale don Francesco Ricci (Varese), Cooperativa sociale fabula onlus (Milano), Il cerchio società cooperativa consortile sociale (Viterbo), L’ovile cooperativa di solidarietà sociale scrl (Reggio nell’Emilia), Odissea società cooperativa sociale (Lucca), Open group soc coop (Bologna), Organizzazione per la ricreazione sociale (Torino), Seriana 2000 società cooperativa sociale (Forlì-Cesena), Sisifo consorzio (Palermo), Solidarietà e servizi cooperativa sociale (Varese).

La tappa dedicata alle imprese non profit sottolinea la grande attenzione di Intesa Sanpaolo verso il terzo settore. Con 100mila clienti e oltre 400 persone dedicate in via esclusiva, la banca è leader in questo comparto raccogliendo l’eredità di Banca Prossima, oggi incorporata nel gruppo con la direzione Impact, guidata da Marco Morganti. L’attività di inclusione finanziaria si è ulteriormente estesa dalle organizzazioni non profit a categorie di persone con difficoltà di accesso al credito.

La creazione di una tappa dedicata alle imprese sociali vuole accendere il faro su un settore che gioca un ruolo fondamentale nella comunità, ruolo i cui effetti mai come in questo difficile periodo emergono con tanta evidenza. Le imprese vincenti del terzo settore fanno infatti vincere tutti: i beneficiari dei loro servizi, le comunità di riferimento e in definitiva la società nel suo complesso. Inserirle nel programma di valorizzazione Imprese Vincenti significa riconoscere il loro contributo all’economia del paese ed esporle al dialogo con il mondo profit per uno scambio da cui entrambi i mondi traggono beneficio e occasione di crescita.

Dall’avvio di Imprese Vincenti, nel 2019, sono state quasi 10mila le imprese coinvolte nelle candidature, con un trend crescente di adesione, a conferma della vivacità delle Pmi e della voglia di partecipazione nonostante la fase di difficoltà connessa alla pandemia. Imprese Vincenti 2021 si concentra sul tema del rilancio e punta alla centralità del sistema delle imprese come motore della ripartenza del paese, evidenziando quei fattori intangibili che rappresentano i driver della crescita del paese, in linea con il Programma motore Italia lanciato da Intesa Sanpaolo a marzo di quest’anno e riconducibili alle missioni del Piano nazionale di ripresa e resilienza: capacità di innovare, digitalizzazione, sviluppo del capitale umano, progetti di transizione sostenibile, vocazione internazionale, legame con il territorio e capacità di sviluppare rapporti di filiera. A questi fattori si aggiungono i settori delle imprese non profit – sempre più fattore di coesione sul territorio e veicolo della finanza di impatto – e dell’agroalimentare, comparto prioritario sul Pil del paese e la cui centralità nell’equilibrio socio-economico è apparsa ancor più determinante durante la crisi pandemica.

Il programma Imprese Vincenti si preoccupa di fornire strumenti per la crescita delle imprese. La banca insieme ai propri partner di programma – Bain&Company, Elite, Gambero Rosso, Cerved e Microsoft Italia, Nativa, Circularity e Coldiretti – mette a disposizione percorsi che aiutano ulteriormente le Pmi ad affermarsi nel mercato interno e in quello internazionale, agendo su formazione, innovazione e digitalizzazione.

Nella tappa dedicata a Impact, in particolare, hanno partecipato due partner di progetto: Giuseppe Bruno, presidente del Consorzio Nazionale Cgm, la più grande rete italiana di imprese sociali e Flaviano Zandonai, sociologo ed esperto di non profit e imprenditoria sociale.

Marco Morganti, responsabile direzione Impact Intesa Sanpaolo: “La pandemia è stata una sfida complessa per le organizzazioni del terzo settore che hanno dovuto ripensare le proprie attività, in considerazione dei nuovi vincoli imposti dalla situazione contingente. In poco tempo sono stati amplificati i bisogni socio-sanitari o, come nel caso della cultura, sono state azzerate le attività in presenza. In entrambi i casi, si è reso evidente il carattere necessario, anzi indispensabile, del terzo settore così come l’esigenza di una maggiore solidità strutturale, organizzativa e finanziaria delle organizzazioni che ne fanno parte. Questi sono elementi fondamentali che rendono virtuose le imprese sociali che abbiamo selezionato, non solo dal punto di vista della propria attività, ma anche per le ricadute positive nel contesto in cui operano. Grazie ad alleanze con banche, istituzioni, sindacati, associazioni industriali il non profit può essere uno dei pilastri della ripresa del Paese e rispondere concretamente alle esigenze del Pnrr”.

Odissea società cooperativa sociale – La cooperativa è retta e disciplinata secondo il principio della mutualità e dell’assenza di fini di lucro, si propone di perseguire l’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini, attraverso lo svolgimento dell’attività costituente l’oggetto sociale, finalizzata alla gestione di servizi sociosanitari ed educativi e all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate. La volontà è quella di produrre progetti di valore sociale che escano dal puro assistenzialismo, e che mettano al centro la persona, valorizzando la sua storia e la sua origine.
Sede: Lucca – Sito:http://www.cooperativaodissea.org 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.