Quantcast

In San Micheletto un convegno contro la dipendenza da dispositivi elettronici

Il noto giornalista Marino Bartoletti chiamato a moderare il dibattito nella giornata di confronto voluta dall'associazione Accendi il sorriso

Se li ami sconnettili! È il messaggio che l’associazione Riaccendi il Sorriso continua a lanciare con fermezza e determinazione attraverso incontri, confronti e convegni. Lo ha fatto quest’estate dal palco della Versiliana, lo ha ripetuto durante il Festival della Salute di Viareggio lo scorso fine ottobre ed è pronta a rifarlo sabato (4 dicembre) a Lucca.

Nella sala convegni Vincenzo da Massa Carrara all’auditorium San Micheletto di Lucca a partire dalle 10 della mattina si alterneranno importanti ospiti moderati dal giornalista e conduttore televisivo Marino Bartoletti. Un messaggio importante e di sconcertante attualità quello che verrà ribadito durante il convegno, un messaggio che mette in guardia dal pericolo derivante dall’uso sbagliato ed eccessivo dei dispositivi elettronici. Un abuso che, dati alla mano, crea nei più giovani una forma di dipendenza con vere e proprie crisi di astinenza e gravi disturbi, come la perdita di sonno, l’aumento dell’aggressività, la disattenzione, problemi alla vista, ai muscoli del collo e delle spalle, solo per citarne alcuni.

“L’associazione Riaccendi il Sorriso è nata dal confronto, dall’osservazione quotidiana dei pazienti che visito ogni giorno in ambulatorio, dal dialogo con i miei colleghi e dalla condivisa convinzione che l’uso scorretto dei dispositivi digitali e l’abuso di tecnologia nei bambini e negli adolescenti possa portare a molti problemi”, ha raccontato la presidente dell’associazione, la dottoressa Rosaria Sommariva, medico dentista esperta nella medicina del sonno.

Per questa ragione Riaccendi il sorriso ha promosso in questi mesi iniziative atte a sensibilizzare genitori, educatori, pediatri, rappresentanti del mondo dello sport e tutte quelle figure di riferimento che nella vita degli adolescenti rivestono un ruolo centrale, mostrando quali siano le conseguenze dell’uso e dell’abuso delle tecnologie in età giovanile, e quanto sia facile passare da un gioco ad un’abitudine e da un’abitudine ad una dipendenza. E per questo motivo ha promosso anche questo importante convegno.

Tra le tante iniziative segnaliamo anche un importante progetto pilota sostenuto dalla Regione Toscana che coinvolge anche la Federazione italiana medici pediatri (Fimp) chiamata a inserire nei questionari di valutazione periodica della salute dei bambini e ragazzi, domande relative al tempo e alle modalità sull’utilizzo dei dispositivi digitali. I dati in merito raccolti finora delineano uno scenario davvero preoccupante di cui parleremo domenica con gli ospiti del convegno.

A confrontarsi sul palco dell’auditorium San Micheletto di Lucca oltre alla presidente Rosaria Sommariva, Bernard Dika, consigliere della Regione Toscana per le politiche giovanili; Elisabetta Mancini dirigente della polizia di stato; Raffaele Domenici, pediatra e vicepresidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca; Domenico Fortunato, pediatra di famiglia e segretario provinciale Fimp; Donatella Buonriposi, dirigente dell’ufficio scolastico territoriale IX di Lucca e Massa-Carrara.

I saluti istituzionali sono affidati a Alessandro Tambellini, sindaco di Lucca e Simone Cardullo, presidente del comitato regionale del Coni. Durante il convegno si terrà una performance teatrale a cura della Bottega del Teatro.

Appuntamento quindi a sabato (4 dicembre) alle 10 nella sala convegni Vincenzo da Massa Carrara, auditorium di San Micheletto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.