Quantcast

Sicurezza sul lavoro a fumetti. Torna l’ispettore Felicino

“Promuovere la cultura della sicurezza sul lavoro significa fare anche educazione alla convivenza civile colmando quel gap lasciato dalla mancanza della vecchia educazione civica”. Con queste parole Donatella Buonriposi, provveditore di Lucca e Massa Carrara auspica l’inserimento della cultura della sicurezza all’interno dei piani educativi nazionali, toccando un tema di grande attualità e di cui quotidianamente, putrroppo si devono occupare le cronache di fronte ai troppi incidenti sul lavoro.
E a colmare questo gap, questa grave lacuna si inserisce il progetto ideato da Pasquale Sgrò che attraverso la figura dell’Ispettore Felicino, guida il lettore, anche grazie alla freschezza del linguaggio del fumetto, nel mondo produttivo italiano raccontando storie possibili di mancata sicurezza, rendendo il lettore attivo e partecipe di una vera e propria immersione nel tema.

L’Ispettore Felicino con le sue 50 storie a colori di sicurezza sul lavoro, scritte da Pasquale Sgrò e illustrate da Riccardo Pieruccini (con l’aggiunta di una storia illustrata dai bambini delle scuole e dedicata al tema del diabete in età infantile e la postfazione a firma del presidente Associazione giovani diabetici Gianni Lamenza) sono i protagonisti di un volume edito da Pacini Fazzi attraverso il quale l’autore amplia e approfondisce l’esperienza del precedente volume (Pisa 2014) facendolo divenire un vero e proprio progetto. “Felicino non vuole essere solo il protagonista di un libro, ma voglio che esca dalle sue pagine ed entri nella vita di ognuno di noi, comunicandoci la sua grande esperienza nella sicurezza sui luoghi di lavoro, un tema troppo importante, drammaticamente attuale, che deve divenire parte integrante nel partimonio culturale di tutti, lavoratori, datori di lavoro, cittadini perché di lavoro si vive e di lavoro non si deve morire. Per questo ho voluto che Felicino divenisse personaggio e il disegnatore Riccardo Pieruccini lo ha reso tale, perché deve parlare a tutti con un linguaggio accessibile che renda parte della nostra quotidianità la cultura della sicurezza”. E Lucca Comics accoglie per la seconda volta il progetto di Pasquale Sgro con la presentazione del nuovo volume L’Ispettore Felicino. Storie a colori di sicurezza sul lavoro, evento in calendario per venerdì 3 novembre alle 14. Nell’Auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca partecipano alla presentazione insieme all’autore Pasquale Sgrò, Francesca Fazzi (editore), Donatella Buonriposi (provveditore), la senatrice Manuela Granaiola, Marialina Marcucci, presidente Fondazione Carnevale e  Gianni Lamenza presidente Agd, moderati da Enrico Pace direttore del giornale online Luccaindiretta.
Giovedì (2 novembre) alle 16 alla libreria Ubik Via Fillungo ci sarà una anteprima con Intervista in vetrina (in collaborazione con Radio 2000). Partecipano Gina Truglio, Donatella Buonriposi e Pasquale Sgrò, autore del volume L’Ispettore Felicino, Storie a colori di sicurezza sul lavoro (Pacini Fazzi editore). Sarà presente l’illustratore Riccardo Pieruccini.
E per tutta la durata del Festival uno spazio speciale verrà allestito su Piazza della colonna mozza (Santa Maria Bianca, fondo ex libreria Doroni), aperto tutti i giorni di Lucca Comics dall’1 al 5 novembre dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 dove Pasquale Sgrò incontrerà il pubblico per presentare il suo grande progetto.
Pasquale Sgrò, da anni si occupa professionalmente di sicurezza sui luoghi di lavoro. Ha creato la figura dell’Ispettore felicino che è divenuto il protagonista di un romanzo (Corpo morto a paratia, Firenze 2017). Questo volume è stato preceduto da un altro sullo stesso tema (Pisa 2014)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.