Quantcast

Apuane, vandali distruggono due parchi avventura

Vandali in azione anche sulle Alpi Apuane. E il raid avvenuto nelle ultime ore a Fornovolasco ha davvero dell’inquietante. Ignoti hanno infatti distrutto due parchi avventura, firmando il gesto con la scritta Sos Alpi Apuane. Un episodio su cui ora indagano i carabinieri di Gallicano e da cui hanno immediatamente preso le distanze i membri del gruppo Salviamo le Apuane, che hanno invece stigmatizzato il gesto. Secondo quanto ricostruito, i vandali sono entrati in azione con le motoseghe, danneggiando gli ingressi a due parchi, nel comune di Fabbriche di Vergemoli. “Noi di Salviamo le Apuane – dice Eros Tetti, fondatore del movimento – condanniamo questi atti che confermano le nostre teorie, ovvero che non si vuole su questo territorio un altro sviluppo. Cogliamo l’occasione per denunciare nuovamente il clima intimidatorio che si respira in questi luoghi i cui problemi non sono minimamente legati con i parchi avventura, ai quali mandiamo la nostra massima solidarietà. Questo è un chiaro atto di chi non vuole un altro sviluppo economico basato sul turismo, agricoltura e sull’uso sostenibile del territorio, chi potrà essere stato?”.

Il movimento ha ringraziato tutti coloro che hanno inviato messaggi di solidarietà ricevuti in queste ore. In particolare il sindaco di Fabbriche di Vergemoli, Michele Giannini, che ha scritto: “Completa fiducia nel movimento Salviamo le Apuane di cui condivido le finalità di tutela e rispetto del territorio, questa è sicuramente l’opera di un balordo che niente ha a che vedere coi comitati, ma probabilmente è legato ad altri interessi”. “Concludiamo – aggiunge il movimento Salviamo le Apuane – augurandoci che si faccia velocemente chiarezza su questi incresciosi atti criminali che creano un clima di terrore e sfiducia in chi come noi sta investendo e lavorando onestamente sul territorio, per curarlo e rispettarlo proponendo un altro sviluppo economico”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.