Quantcast

Sindaco di Gallicano: “Stop referendum per fusioni”

Gallicano sospende la consultazione dei cittadini per la fusione con Fabbriche di Vergemoli e Molazzana indetta per il prossimo 26 novembre dalla lista civica di maggioranza. Anzi, sembrerebbe che non vi siano più le condizioni per intraprendere il cammino di fusione perché la precedente da cui è nato Fabbriche di Vergemoli metterebbe a rischio il meccanismo degli ingenti contributi regionale e statali. Questo almeno secondo il sindaco di Gallicano.

Sulla base di un chiarimento chiesto al ministero il primo cittadino David Saisi infatti ha decretato la sospensione del referendum del 26 novembre: “Oggi abbiamo inviato una mail di chiarimenti al ministero dell’Interno circa i contributi spettanti ai comuni di Gallicano, Molazzana e Fabbriche di Vergemoli. Questa richiesta è giustificata dal fatto che Fabbriche di Vergemoli è già la risultante della fusione di due comuni: Fabbriche di Vallico e Vergemoli. Essendo la fusione di un comune un caso non disciplinato esplicitamente da alcuna norma statale in quanto non usuale, si rende necessario approfondire la questione. Per questo riteniamo opportuno sospendere l’iter di fusione, perché la mancanza del contributo regionale o la mancanza del contributo straordinario statale per una durata di 10 anni renderebbero necessaria una riflessione sull’opportunità di fondersi con il comune di Fabbriche di Vergemoli. Prenderemo perciò il tempo necessario per aspettare una risposta, valutarla, comunicarla e decidere se andare avanti con il processo di fusione. Nel frattempo chiederemo ai sindaci dei comuni di Fabbriche di Vergemoli e Molazzana di esplicitare chiaramente la volontà di fondersi con Gallicano sia nella forma a tre comuni, Gallicano, Fabbriche di Vergemoli, Molazzana, sia nella nella forma a due, Gallicano e Fabbriche di Vergemoli, Gallicano e Molazzana”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.