Il ministro Franceschini presenta nuovo libro a Castelnuovo

Dopo il grande successo estivo, torna a Castelnuovo La bella estate d’inverno, rassegna di incontri curata da Alba Donati. Ospite d’onore della rassegna voluta e organizzata dal Comune di Castelnuovo, sarà il ministro Dario Franceschini che venerdì (24 novembre) al teatro Alfieri alle 21 presenterà il suo ultimo libro, Disadorna e altre storie edito da La nave di Teseo. Uno sfondo rarefatto e surreale tra una Roma inospitale, il delta del Po e le nebbie di Ferrara per questa raccolta di racconti costruita come un girotondo di personaggi eccentrici che si perdono nella nebbia che avvolge la pianura, scavano ricordi e pensano ad amori lontani. Ne parlerà con lui la scrittrice e giornalista Ilaria Giannini.

Franceschini presenta in Disadorna delle microstorie che potrebbero essere venti incipit di racconti o di romanzi: poche righe, l’inizio di una storia imperniata su un protagonista con un rapido svolgimento. Si tratta di testi scritti in momenti diversi: alcuni sono stati pensati come racconti conclusivi, in altri invece, il finale è volutamente sospeso. Ecco la felicità dei due anziani che vanno in bicicletta come fossero dei ventenni, l’uomo che impara a suonare il violino come non avesse fatto altro nella vita, l’intellettuale sudamericano che ritrova l’ispirazione in un vecchia stanza “disadorna” di un albergo semiabbandonato. Atmosfere padane, antichi ricordi di famiglia, ricordi di gioventù. Il titolo della raccolta si riferisce alla prima vicenda, quella di Paco Tovar, letterato di Bogotà in crisi creativa che chiede a un suo amico italiano dove ritrovare l’ispirazione e parte per il delta del Po (Franceschini è ferrarese, sa di cosa parla), finendo in una stanza disadorna e in un albergo privo di ospiti da 47 anni. Lì Paco riprenderà a scrivere.
Dario Franceschini, nato a Ferrara nel 1958 è un politico, avvocato e scrittore italiano. Ha pubblicato nel 2006 il suo primo romanzo Nelle vene quell’acqua d’argento, con il quale ha vinto in Francia il Premier Roman di Chambery e, in Italia, il Premio Opera Prima Città di Penne e il Premio Bacchelli. Ha poi pubblicato La follia improvvisa di Ignazio Rando, da cui è stato tratto un omonimo spettacolo teatrale. I suoi romanzi sono tradotti in Francia per Gallimard. Dal 2014, è Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo.
Ilaria Giannini, nata nel 1982 a Pietrasanta, laureata in Scienze Politiche e Internazionali all’Università di Pisa, è una giornalista professionista e scrittrice. Lavora per il portale ufficiale della Regione Toscana e scrive di tematiche di genere per Cosebelle Magazine. Ha pubblicato due romanzi: I provinciali (Gaffi) e Facciamo finta che sia per sempre (Intermezzi); insieme a Federico di Vita ha firmato I treni non esplodono (Piano B), il primo libro sulla strage ferroviaria di Viareggio. Ha collaborato tra gli altri con Internazionale, l’Ansa Firenze, Novaradio, Mangialibri e Toscana Tv.
Il ciclo La bella estate d’inverno si concluderà venerdì (1 dicembre) alle 21 in sala Suffredini con Il mare dove non si tocca edito da Mondadori, l’ultimo libro dello scrittore toscano Fabio Genovesi. La storia di un bambino di sei anni, Fabio, che cresce nella Versilia degli anni ottanta. Le cure dei suoi numerosi nonni e dei genitori non bastano a proteggerlo dalla realtà che lo circonda, e così Fabio scopre che fuori dalle mura domestiche c’è un mare, spaventoso ma bellissimo, verso cui bisogna dirigersi e nuotare da soli, nelle acque profonde.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.