“Nuova centrale sulla Lima”, il comitato insorge

Centrale idroelettrica sulla Lima a Bagni di Lucca, ci risiamo. La società genovese Green Factory ci riprova con un nuovo progetto, che riceve subito le critiche del comitato in difesa della Lima. “In un preoccupante clima di silenzio generale la società  genovese green factory torna all’attacco per sottrarre alla nostra vallata l’unica risorsa rimasta, l’ambiente”, commenta per il comitato Liano Picchi.

“Nessuno purtroppo ci aveva informato del nuovo progetto, non  il Comune, né la Provincia, né tantomeno la Regione , nonostante sapessero bene quanto ci premeva, dalle nostre precedenti osservazioni, incontri e manifestazioni d’interesse. La centrale idroelettrica che era stata sconfitta dalla levata di scudi della popolazione e dall’amministrazione precedente, ci ritenta ora con la nuova – aggiunge Picchi -, sperando che qualcosa sia cambiato. Ci auguriamo che coerentemente con quanto dichiarò e sottoscrisse in campagna elettorale anche questo sindaco dimostri nei fatti la sua contrarietà. Le colate di cemento e acciaio nel greto del torrente – prosegue la nota – finirebbero infatti per compromettere in modo definitivo lo sviluppo delle numerose attività  ludico-ricreative, sportive e turistiche che già producono un interessante ritorno economico, ma che potrebbero ulteriormente svilupparsi e creare occupazione in una vallata depressa, che negli ultimi anni ha visto chiudere le poche attività esistenti”.
“Di fronte a tanti danni dunque – va avanti Picchi -, l’unica a trarne vantaggio sarebbe l’azienda costruttrice genovese, senza creare un solo posto di lavoro in più. Difficile anche fare osservazioni sul progetto, visto che si tratta di disegni poco comprensibili, privi di misurazioni che ne facciano capire bene l’impatto devastante che le migliaia di metri cubi di cemento e ferro avranno sul torrente e le sue sponde. Trattandosi però di una variazione sostanziale del progetto originario, come del resto le stesse Provincia e Regione lo definiscono, l’impianto deve essere assoggettato ad un nuovo iter autorizzativo. Se così fosse però la legge entrata in vigore il 17 dicembre 2015 per tutelare i corsi d’acqua dall’eccessivo sfruttamento, lo renderebbe inattuabile. Da come Comune, Provincia e Regione opteranno, si capirà bene se saranno orientate a difendere l’ambiente e l’occupazione, o più propensi invece a cedere alle richieste della società genovese interessata solo a fare affari in un territorio non suo e ad occupazione zero”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.