Reparti covid anche a Barga, Campani: “I servizi essenziali devono rimanere”

La replica del sindaco: "Ci sono molte perplessità e preoccupazioni. La proposta fatta dall’azienda è eccessiva"

Reparti Covid negli ospedali della Valle del Serchio, il sindaco di Barga, Caterina Campani, esprime tutta la propria perplessità sul piano della Regione Toscana e dell’azienda sanitaria Toscana Nord Ovest.

Reparti Covid anche a Barga e Castelnuovo, tanti dubbi dalla Conferenza dei sindaci della Valle del Serchio

“La Valle e i nostri ospedali hanno sempre dimostrato generosità in tutto e per tutto – le parole di Caterina Campani -, la proposta che è stata fatta lascia molte perplessità. Laddove possiamo dare una mano siamo pronti a farlo, ma la proposta fatta dall’azienda è eccessiva: 40 posti letto significa togliere completamente tout court tutta l’attività ordinaria della nostra medicina. Vogliamo essere maggiormente parte attiva del processo e capire bene come l’azienda intende procedere per la sicurezza dei cittadini e affinché i nostri servizi essenziali ospedalieri non vengano meno. Ci sono molte perplessità e preoccupazioni, seguiamo e monitoriamo la situazione. Deve essere chiaro che i servizi essenziali devono rimanere, i nostri ospedali non possono pagare ulteriormente un prezzo così alto. Dobbiamo tutelare il servizio offerto sul territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.