La protesta da Castiglione: “Alle poste anziani in fila per 40 minuti sotto pioggia e grandine”

Fantozzi e Tamagnini (Fdi): "Non è più accettabile una tale situazione, la Regione deve intervenire con Poste Italiane"

“La Regione intervenga con Poste Italiane, gli uffici postali montani e periferici devono aprire tutti i giorni. Stamani (7 dicembre) a Castiglione di Garfagnana persone anziane hanno dovuto attendere 40 minuti in fila sotto la pioggia“. Tuona così il vice-capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio regionale, Vittorio Fantozzi, e il consigliere di maggioranza del comune di Castiglione di Garfagnana, Roberto Tamagnini.

A causa dell’emergenza Covid gli uffici postali della Garfagnana, ma la situazione è comune al resto dei territori montani e periferici toscani, sono aperti a singhiozzo, a giorni alterni. Le persone sono costrette ad attendere all’esterno il proprio turno in balia dei fenomeni atmosferici. Si tratta di un disservizio e un disagio soprattutto nei confronti degli anziani, i più esposti ai rischi del contagio – tuona Vittorio Fantozzi-. Non è più accettabile una tale situazione, la Regione deve intervenire con Poste Italiane per potenziare il personale degli uffici postali così che possano aprire tutti i giorni, per più ore al giorno”.

Vittorio Fantozzi

Una situazione che va avanti da un anno -racconta Roberto Tamagnini, -, quella delle Poste nel comune di Castiglione di Garfagnana. E’ dal primo lockdown che effettuano l’apertura solo tre giorni a settimana. Castiglione è un ufficio che riceve, non solo i cittadini del comune, ma anche utenti di altri comuni limitrofi. Ogni volta che l’ufficio postale è aperto si verificano lunghe attese soprattutto di persone anziane che devono stare fuori al freddo, creando anche grossi problemi di assembramenti. Stamani, a Castiglione, l’attesa è stata anche di 40 minuti sotto la grandine prima e la pioggia poi. Una situazione che riguarda tutta la Garfagnana. Si parla di vivere in montagna e di come salvarla e poi ci si dimentica anche dei servizi più basilari come gli uffici postali. Credo che l’azienda, senza addurre scuse inutili, deve provvedere al ripristino del servizio com’era prima”.

Roberto Tamagnini

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.