Formaggio garfagnino, premiati i vincitori della tradizionale mostra mercato

Il pecorino di Giuseppe Piacentini ha ottenuto in assoluto il punteggio più alto tra le 28 forme in gara

Si è svolta nella sede dell’Unione Comuni Garfagnana la premiazione della competizione abbinata alla tradizionale mostra mercato del formaggio garfagnino che si è tenuta il 5 settembre. Un vero e proprio contest fra caseifici, organizzato dal Comune di Castelnuovo di Garfagnana in collaborazione con l’Unione Comuni Garfagnana e il Consorzio Garfagnana Produce.

Le origini della fiera risalgono al 1430, quando Castelnuovo, passato sotto il dominio modenese della Casa D’Este, divenne il punto di riferimento amministrativo e commerciale della valle. Da allora la mostra ha acquisito sempre più importanza, divenendo nel 1896 esposizione regionale. Una commissione di esperti Onaf delegazione di Lucca dopo una lunga serie di assaggi e valutazioni sensoriali su forme ha provveduto a stilare la classifica delle migliori forme di pecorino, vaccino, caprino e misto e di conseguenza decretarne i vincitori.

Alla presenza del sindaco Andrea Tagliasacchi si sono tenute le premiazioni che, tra le 28 forme in gara, hanno portato riconoscimenti ad Agnese Lemmi per la categoria misto, a Roberto Martinelli per la categoria vaccino, ad Alessandra Capozzoli per la categoria caprino, a Piacentini Giuseppe, che con il suo pecorino, ha ottenuto il punteggio assoluto più alto. I premi, splendidi piatti in legno, sono stati realizzati dall’artigiano locale Yuri Brega.

“Nonostante le restrizioni dovute all’emergenza Coronavirus, per cui l’evento non ha sicuramente avuto lo stesso respiro di sempre – afferma il oresidente dell’Unione Andrea Tagliasacchi – esprimo la mia soddisfazione e ringrazio uno ad uno i 28 partecipanti che hanno sfidato le difficoltà di questo periodo per aver rinnovato come ogni anno la magia di questo appuntamento, parte integrante della nostra identità e memoria contadina,  ancora oggi punto d’incontro di pastori, allevatori, mediatori di bestiame, commercianti di formaggi, residenti e turisti da sempre curiosi di partecipare. Congratulazioni ai vincitori di questa edizione 2020 che hanno saputo tenere alti la qualità dei prodotti e il rispetto della filiera, elementi altamente qualificanti per il patrimonio agroalimentare della Garfagnana anche in termini di attrattività e promozione turistica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.