Quantcast

Cooperazione in Cammino fa tappa in Toscana alla scoperta della via Matildica del Volto Santo

Appuntamento giovedì (3 giugno) a Borgo a Mozzano per percorrere il cammino che va dal parcheggio della Rocca fino alla piazza del Comune

Un’esperienza di turismo lento che mette al centro il territorio e le cooperative presenti lungo i cammini che hanno deciso di fare rete per accogliere nel modo migliore i viaggiatori. Giovedì (3 giugno) è in programma la tappa toscana dell’iniziativa nazionale Cooperazione in cammino che interessa un tratto del cammino della via Matildica del Volto Santo. Scopo dell’iniziativa è promuovere il percorso che si snoda in provincia di Lucca e far conoscere ai pellegrini i servizi offerti dalle imprese del territorio.

Cooperazione in cammino è un progetto delle Federazioni del turismo e dell’agricoltura di Confcooperative dedicato a chi vuole intraprendere un cammino e andare alla scoperta delle bellezze dell’Italia meno nota. Il viaggio, a piedi o in bicicletta, è pensato per conoscere e apprezzare le risorse dei territori e scoprire più da vicino il mondo della cooperazione grazie alle imprese che hanno deciso di fare rete: il viaggiatore potrà entrare in un’azienda agricola, visitare un museo, degustare un buon vino e pernottare dopo le fatiche della giornata. Sono tre, per il momento, i cammini proposti dal progetto: la Magna via Francigena in Sicilia, la via Romea Germanica in Trentino e la via Matildica in Toscana. Ed è proprio per andare alla scoperta di quest’ultima che il mondo cooperativo si è dato appuntamento giovedì 3 giugno a Borgo a Mozzano, per percorrere una porzione di cammino di oltre 3 chilometri che va dal parcheggio della Rocca fino alla piazza del Comune.

Lungo il percorso è in programma una pausa musicale offerta dalla cooperativa Arc en Ciel, la visita all’antica fortezza e alla Chiesa, una fermata alla Chiesa di San Jacopo, dove si trova la Maddalena di Robbia e il passaggio dal Ponte del Diavolo. Il percorso si concluderà poi nella piazza del Comune dove ci sarà il sindaco, Patrizio Andreuccetti, per un saluto e un aperitivo a cura del Consorzio Forestale toscano. Tra i partecipanti all’iniziativa Claudia Fiaschi, presidente di Confcooperative Toscana, Franca Isola, presidente del Comitato lucchese di Confcooperative, Chiara Laghi e Valentina Donati, rispettivamente vice presidente nazionale e presidente regionale di Confcooperative Cultura Turismo e Sport, Stefano Stranieri e Marina Lauri del Gal MontagnAppennino e il consigliere regionale Mario Puppa.

“La valorizzazione del turismo lento e sostenibile, oltretutto quando si lega a valori più alti come per la tratta della via del Volto Santo, è la migliore risposta che la cooperazione può dare in questa fase della nostra società – commenta Franca Isola -. Una proposta che rispetta le prescrizioni anti-Covid, che favorisce la scoperta dei territori meno noti al grande pubblico e che tenta di portare sviluppo”. Isola conclude poi con un appello: “Sono necessarie risorse economiche e umane. Speriamo che sia nel Pnnr che nella prossima programmazione dei fondi comunitari si mantenga alta l’attenzione per i territori delle aree interne dove si trova la gran parte dei cammini e di queste opportunità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.