Quantcast

Inaugurata la panchina rossa al Ciocco foto

Taglio del nastro in occasione dell'open day

In occasione de Il Ciocco OpenDay – Summer Edition, l’evento ad ingresso libero dedicato allo sport all’aria aperta e alle proposte della tenuta del Ciocco, è stata inaugurata una panchina rossa simbolo della lotta contro la violenza sulle donne e il femminicidio, la numero 95 in Valle del Serchio.

L’iniziativa, organizzata dal Ciocco nella persona di Marta Stefani Marcucci con il patrocinio della Commissione Pari Opportunità di Barga e del Comune di Barga stesso, è stata ospitata all’interno della seconda edizione del Trekking in Rosa, una passeggiata guidata a scopo benefico, un’escursione ad anello dal Ciocco ad Albiano e Sommocolonia adatta a grandi e piccini i cui proventi sono stati devoluti al centro antiviolenza locale “Non ti scordar di te”.

“Il centro ha come obiettivo principale quello di aiutare tutte quelle donne che ogni giorno subiscono maltrattamenti e soprusi, offrendo loro un punto di riferimento e sensibilizzando la cittadinanza su una tematica tanto delicata”, spiega la presidente del centro Maria Stella Adami ringraziando tutti coloro che hanno reso possibile questa iniziativa.

Sulla panchina, realizzata da Gioconda Lorenzini e dalle figlie Agnese e Amelia e collocata nel giardino di fronte al Monteceneri Hotel, con splendida vista Alpi Apuane, sono riportati i numeri utili dei centri antiviolenza locali (Valle del Serchio 0583 766094; Lucca e Piana 0583 997928; Versilia 800800811).

Il sindaco di Barga Caterina Campani ribadisce l’invito alla riflessione e l’importante monito racchiuso da ogni panchina rossa, “un’iniziativa ormai esplosa in Valle del Serchio”.

Dopo il ricordo delle 27 donne vittime di violenza in Italia dall’inizio dell’anno da parte della presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Barga Sonia Ercolini, Marta Stefani Marcucci sottolinea come il Trekking in Rosa sia qualcosa di più di un trekking: “Una passeggiata nel segno della libertà che vuole diventare un appuntamento fisso nel calendario del Ciocco”.

Presenti al taglio del nastro anche la presidente del Ciocco Maria Lina Marcucci, il consigliere di Barga con delega alle Pari Opportunità Beatrice Balducci, l’amministratore delegato del Ciocco Andrea Barbuti e Maria Grazia Forli, mamma di Vanessa Simonini, una ragazza di 20 anni di Gallicano brutalmente uccisa il 7 dicembre del 2009 da quello che credeva essere un amico, che ha concluso la cerimonia con la toccante lettura di una poesia dedicata alla figlia e a tutte le Vanesse del mondo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.