Quantcast

Orrido di Botri, la stagione 2021 si chiude con oltre 5mila visitatori: 853 i turisti stranieri in visita al canyon

Il bilancio di due mesi di apertura al pubblico da parte del reparto carabinieri biodiversità di Lucca

Due mesi di apertura al pubblico con un totale di 5083 visitatori e numerose iniziative. È questo il bilancio della stagione estiva dell’Orrido di Botri, partita tra le polemiche dei cittadini e il botta e risposta tra l’amministrazione di Bagni di Lucca e il gestore, il reparto carabinieri biodiversità di Lucca.

https://www.serchioindiretta.it/cronaca/2021/07/15/lorrido-di-botri-riapre-al-pubblico-dal-18-luglio-accesso-per-150-persone-al-giorno-obbligatoria-la-prenotazione/125028/

“L’orrido di Botri è, oltre che una riserva naturale statale, anche una Zcs/Zps (zona speciale di conservazione/zona di protezione speciale) con codice della Rete Natura 2000 – ricorda il comandante del reparto carabinieri biodiversità di Lucca, Cecilia Tucci -. Come tale è stato dotato dalla regione Toscana, con apposita delibera di giunta, di misure di conservazione specifiche ed indirizzi gestionale che prevedono programmi di informazione e sensibilizzazione per una fruizione sostenibile degli ambienti fluviali oltre che la collocazione di pannelli telematici per la sensibilizzazione sia dei turisti che della popolazione locale, oltre ad azioni di conservazione del sito”.

Ecco il bilancio dei due mesi di apertura: “La Riserva è stata aperta al pubblico domenica 18 luglio ed è stata accessibile fino a domenica 19 settembre. Durante questo periodo hanno visitato il canyon 5083 persone di cui 4230 italiani e 853 stranieri provenienti da vari paesi. 1400 persone hanno scelto di visitare la Riserva accompagnati da una guida ambientale escursionistica, mentre 3683 lo hanno fatto in autonomia. Come da regolamento, il numero massimo di visitatori giornaliero è stato di 150”.

Un’estate ricca di eventi: “Durante i due mesi di apertura – prosegue Cecilia Tucci -, il reparto carabinieri biodiversità di Lucca ha organizzato diverse iniziative: domenica 25 luglio mostra fotografica Di fiore in fiore. Orchidee spontanee e farfalle – foto di David Bonaventuri, domenica 8 agosto 50 anni della riserva naturale, mostra di pannelli didattici e visita guidata sul percorso panoramico che ha visto la partecipazione di circa 30 persone; domenica 22 agosto Alla scoperta dei grandi rapaci – escursione sui sentieri della riserva in collaborazione con gli esperti del gruppo Gaas con la partecipazione di 20 persone all’escursione; domenica 5 settembre L’orrido di Dante – incontro con Sergio Frati e la Divina Commedia decantata a memoria ed escursione all’interno del canyon con gli attori della compagnia dell’orsa’, hanno partecipato 70 persone. Nello stesso periodo, oltre al punto di accoglienza di ponte a Gaio, è stato allestito il gazebo della biodiversità dove il personale del reparto dei carabinieri biodiversità di Lucca ha fornito informazioni sugli aspetti naturalistici della riserva naturale statale”.

https://www.serchioindiretta.it/mediavalle/2021/08/31/lorrido-di-botri-si-trasforma-nellinferno-di-dante/127049/

“Tenuto conto di quanto sopra – conclude il comandante – la riserva naturale statale di Orrido di Botri continuerà ad essere fruibile in maniera sostenibile dai turisti e da tutti gli appassionati di natura, nel rispetto delle regole e degli indirizzi gestionali sopra citati”.

Foto di David Bonaventuri

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.