Menu
RSS

Nasce a Lucca un centro per le malattie rare

sanitacommissioneSarà lanciato il 2 marzo il progetto per la creazione di un centro per le malattie rare a Lucca. Un obiettivo ambizioso, che nasce dalla volontà dell'associazione Amici del cuore di offrire una risposta concreta a chi fa esperienza quotidiana della fatica di vivere a fianco di persone per le quali la ricerca, ancora, non ha compiuto sufficienti passi in avanti. Ad oggi, in tutto il mondo, si contano circa 8mila tipi di malattie rare. L'annuncio è arrivato questa mattina (15 febbraio) dal presidente dell'associazione, Raffaele Faillace, nel corso della seduta della commissione sociale del Comune di Lucca. "Vorrei che questo progetto - ha detto - fosse sentito da tutta la città. Stiamo intessendo una rete di relazioni importanti per svilupparlo: per esempio, cercando il coinvolgimento di Telethon. Vogliamo fare del centro un punto di ascolto delle necessità delle famiglie che condividono una persona affetta da malattia rara, ma non solo. Il centro sarà anche un luogo dove svolgeremo attività sanitaria e di orientamento verso i centri nazionali che si occupano di specifiche malattie rare. Ma, soprattutto, a Lucca si svolgerà ricerca scientifica".

Leggi tutto...

Di Vito (SiAmo Lucca): "Al S.Luca servono posti letto e personale, non la robotica"

divito"Lucca ha bisogno di tutto, meno che di una robotica ortopedica in questo momento". Lo sostiene il consigliere comunale di SìAmoLucca, Alessandro Di Vito, che contesta le scelte della Asl per il San Luca: "Smettete di prendere in giro il cittadino - dice il consigliere - Sta già pagando 30 milioni per i 70 posti letto che non gli avete aperto al San Luca, e ora gli volete caricare gli alti costi della chirurgia protesica robotica? Ma allora oltre ad essere ciechi, siete anche affetti da una irrecuperabile sordità? Non avete proprio capito niente di tutto quello che vi hanno detto associazioni, sindacati e ordini professionali durante il consiglio comunale".

Leggi tutto...

Sanità: com'è cambiato il modello di cura col San Luca

maielliincommOspedale ad intensità di cura e territorio: un modello assistenziale nuovo che fatica ancora oggi - dopo 5 anni dall'apertura del San Luca - a essere compreso dai cittadini, in gran parte spaesati per l'assenza del vecchio 'reparto'. A mettere in evidenza punti di forza e di debolezza del sistema è stata questa mattina (18 gennaio) la dottoressa Michela Maielli, responsabile dei presidi ospedalieri di Lucca e Valle del Serchio. Un ulteriore approfondimento sulla sanità propedeutico al consiglio comunale aperto, voluto dalla commissione sociale del Comune di Lucca presieduta da Pilade Ciardetti (Sinistra con Tambellini), dopo quelli con il dottor Marco Farnè, direttore delle cure primarie e responsabile della medicina territoriale, del 21 dicembre (leggi) e dell'11 gennaio (leggi).

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter