Menu
RSS

Controlli agli autolavaggi, sanzioni e un sequestro

  • Pubblicato in Cronaca

Fase delle operazioni di sequestroControlli a tappeto agli autolavaggi a cura della Capitaneria di Porto per verificare illeciti nella gestione e nello smaltimento dei rifiuti, con particolare attenzione alla tutela delle acque ed allo smaltimento dei reflui di natura industriale nel rispetto del Testo unico ambientale 152/2016.
L'attenzione si è rivolta agli impianti sia manuali con operatore che self-service a gettoni, Per tali tipologie di attività, le norme prevedono che le acque provenienti dal lavaggio degli autoveicoli devono essere considerate quali “acque reflue industriali” e, pertanto, obbligatoriamente da convogliare in appositi impianti di trattamento e depurazione per la separazione della parte contenente i residui ed i fanghi di lavaggio, raccolta temporaneamente in apposite vasche a tenuta stagna, dalla parte così depurata che può così confluire direttamente nella rete fognaria. Gli scarichi degli impianti, devono pertanto essere preventivamente autorizzati dagli enti competenti e periodicamente controllati. Questo in relazione alla qualità potenzialmente inquinante delle acque reflue di lavaggio degli autoveicoli, sensibilmente maggiore rispetto a quella delle acque reflue urbane o domestiche per la presenza di oli minerali esausti e sostanze chimiche contenute nei detersivi.

Leggi tutto...

Rifiuti nella Fondovalle, Simonini: "Serve intervenire"

IMG 20190104 WA0003Proseguono le iniziative per il territorio di Simone Simonini, consigliere della Lega in Provincia e a Molazzana. Nelle ultime settimane in aula consiliare spiccano le richieste di interrogazione sul ponte della Tambura sp50, e la mozione sull’edilizia scolastica (poi trasformata in interrogazione), inerente alle situazioni del Paladini di Lucca e Marconi di Viareggio (di cui in commissione Simonini ne è anche vicepresidente).

Leggi tutto...

Rifiuti, Baccelli (Pd): "Su Pioppogatto basta confusione"

stbaccelliAttivarsi di concerto con gli Aato della Toscana per disciplinare l’indennità di disagio ambientale da destinare ai comuni sedi di impianti che trattano rifiuti urbani, anche alla luce delle modifiche normative nazionali intervenute nel 2017. È ciò che Stefano Baccelli, consigliere regionale Pd e presidente commissione Ambiente, riguardo la vicenda dell'impianto di Massarosa, sollecita alla Giunta con una mozione e annuncia un provvedimento di sua iniziativa, protocollato il 29 novembre scorso e già all'ordine del giorno del Consiglio Regionale, per disciplinare una I.d.a. ai Comuni sedi di impianti di rifiuti.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter