Barsanti su Acf Lucchese: “Imbarazzante che non possa giocare in città”

“Non mi piace fare promesse elettorali, ma sono convinto che l’Acf Lucchese femminile debba giocare a Lucca”. Risponde così il candidato sindaco Fabio Barsanti (appoggiato dalle liste CasaPound Italia e Alleanza per Lucca) all’appello lanciato da Marco Chiocchetti, presidente della società sportiva di calcio femminile.

L’Acf, che milita nel campionato di serie B, disputa infatti le gare interne a San Giuliano Terme, per indisponibilità di un impianto adeguato a Lucca. Il presidente Chiocchetti nei giorni scorsi aveva chiesto ai candidati sindaco di esprimersi in merito a questa situazione.
“Seguo l’Acf – continua Barsanti – e conosco il valore dimostrato in questi anni. Rappresenta un’eccellenza dello sport lucchese ed è imbarazzante che non possa giocare nella propria città, nella nostra città. Conosco anche la loro difficile situazione ai campi di Sant’Anna, dove la società si trova ad affrontare da sola furti e atti vandalici senza che il comune intervenga. So anche che le situazioni di difficoltà sono vissute da tante società sportive lucchesi, schiacciate dalle carenze strutturali del nostro comune, dalla fatiscenza degli impianti presenti, dal piano delle assegnazioni che attualmente non permette di pianificare un progetto sportivo a lungo periodo. Nonostante questo le nostre eroiche società sportive continuano ad aggregare e fare sport, anche ad alti livelli come l’ACF. E’ ora che il Comune di Lucca risponda con forza alle richieste del mondo sportivo lucchese”.
“L’amministrazione comunale che nascerà dalle elezioni del 11 giugno – conclude Barsanti – si troverà anche a gestire le nuove assegnazioni dei campi sportivi, ed è questa una reale occasione per permettere all’Acf Lucchese femminile di giocare a Lucca. Da sindaco non perderei questa possibilità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.