Dal turismo all’urbanistica, Chiari (Fdi) attacca Tambellini

“In questi frenetici giorni in prossimità delle amministrative, leggiamo dichiarazioni a più non posso di tutti i partecipanti, molti dei quali non sanno nemmeno di cosa stiano parlando, tra cui l’uscente sindaco Tambellini”. Inizia così la nota di Marco Chiari, coordinatore di Fratelli d’Italia Lucca, che prosegue: “Partendo dal turismo, Tambellini ha recentemente dichiarato che questo settore dovrà essere il volano del rilancio della città, ma analizzando il suo mandato notiamo che Lucca e le sue periferie non hanno mai raggiunto un livello di degrado e di abbandono così alto come sotto la sua amministrazione. Gli uffici turistici – continua Chiari – sono rimasti chiusi sia durante la Pasqua che in questo periodo di inizio vacanze (eppure contano 35 addetti sulle mansioni dei quali non si sa nulla) e infine spaccia per suo, in campagna elettorale, il merito dell’evento dei Rolling Stones che è invece esclusivo di D’Alessandro e Galli. Per chi avesse la memoria corta – dice – ricordo cosa successe con i cartelloni sugli spalti delle mura”.

“Per quanto riguarda l’urbanistica – prosegue l’esponente di Fratelli d’Italia – Tambellini, durante il confronto tra i candidati a sindaco ha parlato di un finanziamento di 2,5 milioni per il restauro del Carmine, ma come è possibile che una Fondazione che finanzia tali lavori sborsi una tale cifra senza sapere le funzioni che si andranno a svolgere all’interno? Ritengo sia come costruire una casa partendo dal tetto e uno spreco di soldi pubblici. Su Campo di Marte – continua – l’attuale sindaco ha dichiarato che gli immobili dovranno avere destinazione socio- sanitaria, ma allora Tambellini ci fa o non è collegato ai suoi assessori credendo che i suoi cittadini siano cretini? Nel piano strutturale da lui approvato risulta che quegli immobili abbiano le più disparate destinazioni: commerciale, residenziale, direzionale. Ha fatto un’operazione (è bene che le persone siano correttamente informate) prettamente a favore della Regione che ha interesse a valorizzare quell’area il più possibile, in quanto messa a bilancio, con perizia a 26 milioni di euro, necessari a coprire l’investimento del San Luca”.
“Infine Tambellini nel confronto ha parlato del centro storico – chiude Chiari – sottolineando che il sottoscritto ha fatto installare i varchi elettronici; sicuramente ho portato a termine tale lavoro, ma dopo che erano già stati spesi dal precedente assessore 700mila euro per la loro installazione. Si ricorda Tambellini quando allora era capo dell’opposizione, che in consiglio comunale, minacciò il ricorso alla Corte dei Conti se tali lavori non fossero stati fatti? Oggi rinnega tutto: stanchezza o cali di memoria pre-elettorali?”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.