Parlamentarie, Giorgi sbatte la porta: “Non c’è democrazia”

Grande “esclusa” a Lucca dalla possibilità di partecipare alla corsa per il parlamento Laura Giorgi, ex consigliera comunale del Movimento Cinque Stelle dopo le Parlamentarie chiude con i pentastellati. La delusione brucia, ma forse più l’amarezza di non essere stata nemmeno ammessa alle “consultazioni” del movimento per essere scelta come candidata a Camera o Senato. 
“Questa non è stata – dice Giorgi – una prova né di democrazia né di trasparenza, come dicono Di Maio e Di Battista. Non lo dico solo per il mio caso, ma per quello di tantissime altre persone nella mia condizione. Contesto le modalità e i tempi di queste consultazioni e l’esito di oggi lo conferma. Avevo deciso di presentare la mia candidatura perché a Lucca ho messo la faccia, il cuore e tutto il mio impegno e credo che me la sarei potuta giocare. Ora per me il Movimento Cinque Stelle è uno dei tanti partiti e come gli altri partiti. Mi è crollato un mito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.