Appello al voto per Liberi e Uguali: prime cento firme dalla società civile

Un appello al voto per Liberi e Uguali che, in poche ore, ha raccolo la firma di cento sostenitori solo dalla zona di Lucca e altri firmatari dalla Versilia. Ecco il testo dell’appello: “Dieci anni di crisi lasciano un paese prostrato e impaurito, dove le disuguaglianze sono ancora aumentate, la disoccupazione rimane altissima, il lavoro è sempre più precario, i diritti sono messi a repentaglio. Al bisogno di sicurezza dei cittadini si risponde additando chi sta ancora peggio, mentre l’ostilità verso chi è diverso non viene contrastata. È questo il terreno su cui crescono le pulsioni razziste e le visioni fasciste, fino ad azioni di una violenza estrema. Occorre tornare a parlare di dignità e stabilità del lavoro, di progressività dell’imposizione fiscale e di lotta all’evasione, della salute come diritto universale, di rilancio dell’istruzione e della ricerca, di riconversione ecologica dell’economia, del valore della cultura, dell’uguaglianza nei diritti e di una politica estera di pace. Sono parole che troviamo nel programma di Liberi e Uguali e ci convince l’impegno a costruire una forza politica partecipata e radicata nelle città e nei territori attraverso il confronto con le cittadine e i cittadini. Condizione necessaria di tutto questo è il risultato delle elezioni del 4 marzo e per questo voteremo e invitiamo a votare per Liberi e Uguali”.

Questi i primi cento firmatari da Lucca: Danilo Ascareggi, Andrea Balestri, Loris Banducci, Elena Baroni, Eugenio Baronti, Franco Bellato, Emanuela Bianchi, Gisberto Birindelli, Giovanni Bolognini, Mariella Bonacci, Lorenzo Borghesi, Renza Borselli, Patrizia Botazzoli, Elena Braccini, Adolfo Bruni, Leonardo Butelli, Nicola Calandriello, Teresa Campagna, Giancarlo Campo, Cecilia Cantini, Enrico Cecchetti, Marco Cecconi, Vincenzo Cinquini, Alberto Comparini, Moreno Coturri, Chiara Cristofani, Pierluigi Cristofani, Angelica D’Agliano, Vito D’Anza, Nicola D’Anza, Rosa Degli Innocenti, Marco Del Cimmuto, Salvatore Del Prete, Luigi Favari, Emma Fenili, Gabriella Fenili, Maddalena Ferrari, Francesco Fontana, Orlando Fornaciari, Mario Franceschelli, Maria Bruna Franceschini, Paola Frateschi, Angelo Fruzzetti, Mario Gabbani, Sergio Giannelli, Giuliana Giannini, Sandra Gigli, Valeria Giglioli, Amerigo Giusti, Raffaello Grisanti, Daniela Grossi, Alfredo Guagliumi, Viviana Guagliumi, Fiorello Lebbiati, Giovanni Lencioni, Belinda Lenzi, Carmela Leone, Pier Giorgio Licheri, Rodolfo Lombardi, Giancarlo Longhi, Luciano Luciani, Enrico Luti, Marta Maffei, Fulvio Mandriota, Stefano Marcinnò,, Daniela Marini, Pietro Marri, Raffaello Martini, Riccardo Massagli, Marcella Matelli, Laura Menesini, Annamaria Meschi, Veronica Micheletti, Patrizia Micheli, Simonetta Migliori, Lorenzo Monticelli, Luciano Morganti, Roberto Mussini, Egidio Nardini, Anna Nelli, Pietro Paiano, Sara Panattoni, Rosano Paoli, Silvano Papini, Mauro Pasquini, Alberto Pellicci, Franca Pennacchi, Benedetto Piccinini, Maria Pia Pieri, Danilo Piuppani, Gianni Quilici, Carla Reggiannini, Ismaele Ridolfi, Roberto Rontani, Andrea Rossi, Massimo Rovai, Luigi Ruocco, Andrea Sarti, Alfredo Scipioni, Silvana Sechi, Anna Maria Torri, Valerio Vezzosi, Maria Angela Zumpano. 
Questi invece i nomi dei sostenitori versiliesi: Bruna Dini, Alessandro Caprili, Donata Lucchesi, Daniela Santucci, Marian Puosi, Riccardo Bendinelli, Fabrizio Manfredi, Antonio Batistini, Marco Barghetti, Daniela Levantino, Cristina Buoncompagni, Alessandro Del Carlo, Giovanna Landi, Luciano Borzonasca, Riccardo Bertini, Massimo Maggiorelli, Michela Benedetti, Roberto Manfredi, Carla Vivoli, Francesco Barsanti, Paola Marchetti Dori, Carlotta Mori, Fabio Panicucci, Franco Paterni, Giuseppina Ghiselli, Sandra Marchetti, Alessandro Lippi, Marianna Ghigliotti, Alessandro Lunardi, Paolina Morescalchi, Riccardo Montanini, Marco Montemagni, Manuela Ripafratti, Vessela Nikolova Puosi, Tiziano Domenici, Rita Ungania.
E’ possibile continuare ad aderire all’appello inviando una email a liberieugualilucchesia@gmail.com o sulla pagina Facebook di @liberieugualilucca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.