Machiavelli, Lega: “Provincia garantisca sicurezza studenti”

“Se la capacità di prendere decisioni per il bene comune del presidente della provincia Luca Menesini si dovesse misurare in grammi, quelli di vetro che si sono staccati da una finestra del Machiavelli la direbbero lunga”. Duro attacco del segretario Marcella Maniglia della Lega che denuncia un episodio spiacevole verificatosi al liceo Machiavelli dove si sarebbero staccati dal soffitto e dalle finestra calcinacci e pezzi di vetro.

“Sono mesi – prosegue Maniglia – che sottolineo la presunta mancanza di agibilità degli istituti. Così come sono mesi che sottolineo che, nei moduli abitativi, comunemente definiti container, studenti e insegnanti non possono stare. Ricordiamo che il presidente ha ‘investito’ la somma di un milione e trecento sessanta mila euro per dare il via a questo scempio di progetto che vede da una parte il Carrara accogliere un numero di gran lunga superiore a quelle che sono le sue reali capacità – sottolineo ancora una volta che l’ascensore non funziona, per cui in caso di invalidità temporanea o permanente degli studenti, le classi possono stare solo al piano terra – dall’altra un parcheggio e un giardino adibiti a emergenza stile post terremoto. Come se la situazione non fosse già sufficientemente assurda, pezzi di vetro e calcinacci si staccano e colpiscono gli studenti che per ora sono rimasti solo feriti nel peggiore dei casi, ma vorrei non dover aspettare di assistere ad un funerale visto che i segnali d’allarme sono chiaramente visibili”.
Sul tema, interviene anche il consigliere provinciale leghista, e vicepresidente della terza commissione edilizia scolastica, Simone Simonini: “In questi mesi come consigliere di minoranza mi sono reso disponibile ad ascoltare e portare idee all’attuale Maggioranza Provinciale. Ricordo che la responsabilità di queste situazioni è solo ed esclusivamente del Partito democratico in quanto, grazie alla riforma Del Rio, le Province ne sono uscite fortemente ridimensionate, rimanendo però in possesso deleghe fondamentali da gestire senza risorse. Purtroppo – prosegue Simonini- non ci è dato sapere come nel dettaglio il Presidente della Provincia insieme alla sua Commissione di maggioranza, abbia gestito questa situazione, in quanto da un lato si dice che tutto si risolverà in breve tempo, mentre i fatti ci dicono il contrario. Troppe lacune sulla sicurezza degli studenti, professori e lavoratori, e poca lungimiranza politica nell’organizzazione e gestione. In questi mesi abbiamo riscontrato poca voglia di collaborazione e di informazione nella sede provinciale. Sono mancate – conclude – le promesse di creare una commissione nella commissione per visionare e conoscere tutti gli aspetti critici delle nostre scuole. Come minoranza conclude Simonini abbiamo garantito il nostro supporto per il bene dei cittadini a questa amministrazione, ma ora è giunto il momento di dire basta. Si faccia presto nel dare un servizio decente garantendo la sicurezza necessaria”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.