Marlia, Lazzareschi (FI): “Lavori inutili alla circoscrizione”

“È vergognoso leggere le parole dell’amministrazione in merito ai lavori ai locali della circoscrizione di Marlia ancora funzionanti che, invece di potenziarne servizi, si preoccupa di togliere uno spazio che, attualmente, è tra l’altro l’unico in cui i cittadini possono fare la nuova carta d’identità elettronica”. Apre così la nota di Daniele Lazzareschi, consigliere comunale di Forza Italia, che minaccia addirittura di incatenarsi alla sede della circoscrizione dopo aver appreso l’annuncio dei lavori di manutenzione straordinaria che interesseranno la sede dello sportello al cittadino zona nord di Marlia, in via Paolinelli. Obiettivo dell’amministrazione, come già reso noto, sarà quello di creare un nuovo centro polifunzionale da mettere a disposizione dei giovani per le loro attività, ma anche delle associazioni dei cittadini e migliorare la qualità dei servizi offerti al cittadino. Ma c’è chi, come Lazzareschi, non ci vede chiaro. 

“Il Comune – continua Lazzareschi – lo affida ad una associazione in particolare, non citata, che si occupa sul territorio di stranieri. Voglio ricordare che tutte le associazioni all’interno del mercato e all’esterno del mercato hanno partecipato a un bando, pagano un canone e dividono lo spazio con altre associazioni per mancanza di spazi. Si spendono soldi pubblici (60mila euro) per fare dei lavori interni e darla ad un’associazione togliendo la sala consiliare alle associazioni, come luogo di aggregazione per riunioni e quant’altro, e si trasforma sotto forma di Centro giovani. Non voglio creare allarmismi – continua Lazzareschi – non voglio dire che diventi un centro di ‘smistamento’ per stranieri, ma come ex presidente di circoscrizione, conoscendo bene quella sede, posso dire che ad oggi abbiamo una frazione come Marlia abbandonata a se stessa. La gente si domanda come mai si sia creato questo degrado. Allora vediamo di aprire gli occhi, cari cittadini di Marlia, perché questa sede sarà sicuramente una cosa inutile: già la ex circoscrizione 3 – prosegue il consigliere – dove non si capisce bene cosa ci facciano, essendo aperta anche la domenica in tarda sera. Sono uffici pubblici appartenenti all’amministrazione comunale oppure una casa privata dove uno va a farci ciò che gli pare a tutte le ore? Comunque – conclude – manifesterò personalmente, anche incatenandomi alla sede come già fatto anni fa e cercherò con i paesani di bloccare questo progetto che prende in giro sia associazioni che cittadini”. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.