Bindocci (M5S): “Eventi sugli spalti sì, ma stando alle regole”

Spalti delle Mura, Massimiliano Bindocci, consigliere comunale M5S torna all’attacco dopo la lite fra Comune e Soprintendenza. Il pentastellato critica ancora una volta l’operato della maggioranza guidata dal primo cittadino: “Vanno bene gli eventi sulla Mura, ma bisogna stare alle regole”, suggerisce Bindocci a Tambellini. “Un sindaco reticente – lo definisce -, che non vuole rispondere sul tema più delicato della città: il futuro delle mura. Ho chiesto nelle raccomandazioni all’inizio dell’ultimo Consiglio comunale al sindaco chiarimenti sui toni aggressivi con cui ha maltrattato la nuova sovrintendente della città. Ma nessuna risposta – afferma Bindocci -. Una uscita social in quei termini non è nello stile di Tambellini, evidentemente è stato forzato. Non è certo nell’interesse della città un rapporto conflittuale Comune -sovrintendenza. Non è con lo scontro o delegittimando chi tutela l’ambiente ed i patrimoni artistici e culturali che si promuove una città”.

“Forse si tutelano alcuni interessi – va avanti Bindocci -, non quelli del futuro di Lucca. Sarebbe nell’interesse dalla città capire invece come valorizzare le mura urbane, e come concepirle. Anche sul rally dopo un regolamento che la maggioranza ha voluto dicendo ‘mai più il rally sulle mura’, ecco poi la deroga, che a noi risulta anche fatta senza la autorizzazione della soprintendenza. Sulla regolarità di questo atto e sugli atti delle mura, abbiamo chiesto la convocazione della Commissione controllo e garanzia. Crediamo che oltre al rispetto delle regole ci sia un tema politico da affrontare, e che sulle mura vada fatto un progetto serio che consenta gli eventi compatibili con il bene e ne regoli l’uso. Questa amministrazione ha mostrato di non sapere cosa fare si pensi all’Opera delle Mura, prima la allargo, poi la chiudo, poi la prorogo, il risultato è il caos casermette, gli spalti con la ghiaia per sei mesi, la gente che si fa male e le frizioni con il Ministero, per non parlare della savana vicino al parco Valgimigli e della poca sicurezza delle sortite. Vorremmo un sindaco onesto intellettualmente, che non fa confusione sbottando, se si tocca qualche tasto troppo delicato. Riteniamo opportuno invece che si apra un confronto serio e nelle regole, sull’utilizzo e la valorizzazione delle mura che tenga conto delle esigenze della città ed anche dell’atto di indirizzo del direttore generale del ministero. Siamo convinti che promozione della città ed evento possano coesistere, ma sulla base di un progetto e non delle forzature o degli interessi di alcuni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.