Piano sanitario e sociale regionale, Marchetti (FI): “Non è a norma di legge”

Nell’ambito del dibattito dell’Assemblea toscana sul Piano sanitario e sociale integrato regionale (Pssir), si è espresso in aula il capogruppo in Consiglio regionale di Forza Italia, Maurizio Marchetti, sostenento che il Pssir 2018-2020 non sia a norma di legge: “Ritirate questo volumetto e presentate un Piano sanitario e sociale per la Toscana a norma di legge, con tutti i segmenti previsti dalla normativa per entrambi i comparti che si devono andare a programmare – ha detto Marchetti -. Ve lo chiediamo non solo come Forza Italia ma come centrodestra con un ordine del giorno pregiudiziale congiunto perché perché questo volumetto di certo non è il documento di programmazione sanitaria e sociale conforme al dettato normativo vigente”.

“Qui oggi siamo chiamati al dibattito sul principale documento di programmazione strategica della legislatura – ha osservato Marchetti – dal momento che il comparto sociosanitario assorbe circa il 70 per cento delle risorse regionali. Questo documento arriva con nove mesi di ritardo e in più contraddice le prescrizioni della legge regionale 40 del 2005. E’ non più che un volume d’intenti, un manuale programmatico forse buono per la campagna elettorale e in cui si dice che tutto va bene. Io vi ricordo che tutto non va bene e l’hanno scoperto anche a Roma, tanto da innescare la lettera del premier Conte al governatore Rossi per intimargli di rientrare dai debiti pregressi. Non va bene e le difficoltà emergono quotidianamente quando vediamo i medici che fuggono dal sistema, quando i dirigenti vengono dimissionati, ancor più quando parliamo col cittadino paziente che si trova a scontrarsi con le liste d’attesa, che viene dimenticato sulle barelle nei corridoi dei pronto soccorso, che negli ospedali si infetta senza sapere di cosa da batteri di cui si dà notizia dopo mesi dal verificarsi dei focolai. Non trovo – incalza Marchetti – le prescritte definizioni puntuali sui livelli uniformi ed essenziali di assistenza, i criteri di riparto delle risorse tra aziende sanitarie col dettaglio per zone-distretto, quelli secondo i quali è quantificata la spesa a copertura di programmi e fabbisogni specifici, per la manutenzione e il rinnovo del patrimonio aziendale, per il funzionamento degli attori del sistema sanitario, per la valorizzazione e qualificazione dell’assistenza nelle zone insulari e montane con le risorse dedicate. Ci sono segmenti – elenca poi il capogruppo di Forza Italia – saltati proprio a piedi pari dal documento malgrado siano espressamente previsti dalla legge e mi riferisco ad esempio a quella sul Servizio civile, per dirne una. Idem per la parte sulla sicurezza stradale, di cui è prescritta una strategizzazione continuata e continuativa ma qui invece è relegata a sei righe di testo. Potrei riempire a mia volta un libro con quel che questo volumetto non ha per poter essere un Pssir a norma di legge. Il libro di quel che invece davvero non funziona nella sanità regionale lo scrive purtroppo la cronaca quotidiana. Forse non saprei farlo più carino fuori, ma più consistente dentro di sicuro sì. Per questi motivi questo noi vi chiediamo di ritirarlo in attesa del Piano sociosanitario quello vero che vi chiediamo di produrci entro l’anno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.