Lucca, gazebo della Lega contro il Mes

Il commissario Recaldin: "Uno strumento deleterio da fermare"

“Fermare il pericolosissimo Mes“. E’ con questo slogan che la Lega di Lucca organizza nel fine settimane gazebo in tutta la provincia, dalla città, fino alla Garfagnana e la Versilia.

“Il Mes – spiega la Lega in una nota – è un meccanismo deleterio e pericoloso impostoci dall’Europa che potrebbe intaccare anche i risparmi dei toscani. Sono ben 120 miliardi di risparmi degli italiani che questo governo di sinistra, schiavo della Merkel e di Macron, ha messo a disposizione delle banche straniere senza confrontarsi democraticamente con i cittadini ed il Parlamento“.

Per questo, domani 7 e domenica (8 dicembre), in diverse località della nostra provincia, la Lega Lucca organizzerà dei gazebo per dare la possibilità ai cittadini di firmare una vera e propria petizione popolare per sottoscrivere “un chiaro no al Mes”. “In pochi giorni, con grande volontà e determinazione – afferma il commissario provinciale Andrea Recaldin – siamo riusciti a coprire capillarmente il territorio per consentire ai cittadini di poter dare la propria opinione su questo delicato argomento”.

“Stiamo raccogliendo i frutti di un impegno costante sul territorio – conclude il commissario – che vede la crescita del partito, sia a livello di tesserati che come nascita di nuove sezioni, precisi punti di riferimento per i nostri sostenitori. Ringrazio fin d’ora, dunque, i tantissimi nostri volontari che, pur in un periodo festivo, s’impegneranno, come sempre, al massimo, per far sì che le persone possano concretamente esprimere il proprio parere su una problematica così rilevante”.

Oggi si comincia con il gazebo a Capannori. Domani (7 dicembre) le iniziative si spostano a Bagni di Lucca, Barga, Altopascio, Querceta e Viareggio. Domenica 8 i gazebo saranno allestiti ad Altopascio, Pietrasanta, Camaiore e Massarosa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.