Colucci: “Concessione Caffè delle Mura poteva già essere revocata”

L'ex presidente dell'Opera: "Già nel 2012 segnalai criticità al Comune"

È l’ex presidente dell’Opera delle Mura, Francesco Colucci, a inserire un nuovo elemento nel dibattito sul futuro della gestione del Caffè delle Mura.

“Per rispondere compiutamente – dice – occorrerebbe prendere visione dell’aggiornamento fatto nel 2014, da parte della giunta Tambellini a quella concessione. Nel 2012, come risulta anche da una mia lettera, con cui davo le consegne al nuovo presidente dell’Opera delle Mura, emergevano già delle criticità sul rispetto della convenzione da parte del privato (in particolare l’utilizzo di parte del baluardo non oggetto di convenzione e il rifacimento in asfalto natura del piazzale antistante alla struttura, ndr) che poteva portare alla revoca della stessa ed in particolare sulla clausola che prevedeva che per tre anni non poteva esserci un cambio nella proprietà di chi si era aggiudicata la concessione per la gestione trentennale del Caffè delle Mura”.

L’atto successivo della giunta Tambellini – commenta Colucci – è quello che, nel bene e nel male, determina la situazione attuale. Inutile cercare di scaricare sulle gestioni passate colpe che, se esistono, trovano fondatezza unicamente negli atti successivi della giunta Tambellini“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.