Capannori, Petrini (FdI): “In Consiglio manca il rispetto per le minoranze”

Il consigliere: "Violate le regole del Consiglio, nessuna comunicazione fra giunta e dirigenti"

Ad esprimere alcune criticità sull’operato dell’amministrazione comunale di Capannori durante i consigli comunali è il consigliere Matteo Petrini (Fratelli d’Italia): “Dal consiglio comunale di ieri sera – dice – prendiamo atto che non esiste comunicazione tra la giunta comunale e gli uffici competenti e di appoggio agli assessori scelti dal sindaco Menesini. Quanto successo, purtroppo, riguarda ancora una volta il sistema di valutazione delle progressioni orizzontali e la sentenza del Tar che condanna il Comune di Capannori e il comportamento di alcuni dirigenti verso i dipendenti pubblici”.

“Nell’ordine del giorno del Consiglio, infatti, era presente una nostra interrogazione riguardante proprio questa tematica – continua PetriniInterrogazione che era già stata affrontata in un consiglio comunale di fine 2019, con la richiesta-promessa da parte del vicesindaco Francesconi di fornire una risposta nei 15 giorni successivi all’assise. Risposta mai data, in violazione del regolamento del consiglio comunale stesso. Ieri quando ci è stato chiesto di esporre l’interrogazione, siamo quindi rimasti sorpresi e abbiamo chiesto spiegazioni. In primo luogo, sul perchè dovevamo nuovamente esporre un’interrogazione già discussa. In secondo luogo, del perchè non fosse avvenuta nessuna risposta”.

“Il vicesindaco Francesconi – prosegue Petrini – ha replicato che la risposta era stata inviata dal dirigente dell’ufficio preposto e che forse, per qualche motivo, non era arrivata a destinazione. Peccato che, trattandosi di Pec ciò non sia possibile in quanto il mittente riceve in ogni caso una ricevuta che attesta la consegna del messaggio. Giustificazione campata in aria dunque, e priva di fondamento”.

“A questo punto – incalza Petrini – ho chiesto al vicesindaco di leggermi, o quanto meno spiegarmi, la risposta dell’ufficio che lo coadiuva, sicuro che ovviamente vi fosse comunicazione tra l’ufficio stesso e l’assessore di riferimento (in questo caso il vicesindaco). Niente da fare, il vicesindaco non sembrava a conoscenza di quanto scritto dal suo ufficio, dal suo dirigente. Siamo rimasti con la promessa da parte di Francesconi che, questa mattina, la prima cosa che avrebbe fatto sarebbe stata quella di inviarmi la fantomatica risposta. Ma, ovviamente, anche questa mattina niente da fare. Tutto tace”.

“Mancanza di comunicazione tra la giunta e i dirigenti, mancato rispetto del regolamento del consiglio comunale, mancato rispetto delle minoranze – conclude – Questa è l’amministrazione Pd capannorese. Cos’altro possiamo aspettarci?“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.