Ex Manifattura, ancora nessun progetto protocollato in Comune dalla Fondazione Crl: ma è solo un rinvio tecnico

Nessun passo indietro da San Micheletto. Ritardi dovuti ad un errore in una mappa del progetto. Il sindaco: "Si dia tempo ai professionisti"

“Non mi risulta ci siano problemi. Data la delicatezza e l’importanza del progetto, è giusto lasciare ai professionisti tutto il tempo necessario affinché sia sottoposto alla città un progetto approfondito in ogni dettaglio”.

Così il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini in merito alla proposta per la riqualificazione dell’ex Manifattura Tabacchi presentata la scorsa settimana da Coima Sgr e Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. Un proposta che ha subito destato molte reazioni, non tutte positive.

Per questo motivo qualcuno, visto il protrarsi dei giorni rispetto all’annunciata data di protocollazione del progetto (doveva essere venerdì scorso) aveva paventato un passo indietro da parte della Fondazione Crl.

Tutto sotto controllo però: secondo l’ente di San Micheletto si tratta, infatti, solo di un piccolo ritardo dovuto ad un semplice disguido tecnico.

Uffici, appartamenti e negozi con 425 posti auto all’ex Manifattura: svelato il progetto della Fondazione Crl

Fugati, dunque, tutti i dubbi in merito ad un possibile disimpegno della Fondazione a causa delle reazioni negative di una parte della città all’iniziativa. Nello specifico, l’intoppo che ha rallentato la consegna dalla proposta, consiste in un errore nel disegno di una mappa di un’area prospiciente piazzale Verdi, nella zona che sarebbe adibita a parcheggi e area residenziale.

Il progetto, presentato nel corso di una conferenza stampa fiume, è stato realizzato dallo studio milanese Coima e  prevede un investimento complessivo da 60 milioni di euro per la realizzazione di due nuove piazze, di cui una rialzata, una passerella pedonale di collegamento con le Mura, la ristrutturazione di quasi 20mila metri quadrati di patrimonio immobiliare e l’ampliamento dell’area dedicata al parcheggio per un totale di 425 posti auto a uso pubblico, su due livelli – 190 in più rispetto agli attuali 325 stalli di piazzale Verdi, via del Pallone, parcheggio Cittadella e Manifattura.

L’immobile è di proprietà comunale ma Palazzo Orsetti, già impegnato nella ristrutturazione della parte nord del complesso, non ha le risorse per riqualificare un’area così vasta. Da qui la necessità di un partenariato pubblico-privato, in questo caso con la Fondazione Crl il cui progetto, quando sarà presentato, dovrà comunque passare da procedure ad evidenza pubblica con l’indizione di un apposito bando.

Piano operativo, un’occasione per progettare il futuro della città. A partire dall’ex Manifattura

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.