Coronavirus, Lega attacca Rossi e Saccardi: “Valutiamo un esposto”

In Toscana alcune migliaia di cinesi di ritorno dal loro Capodanno sono solo invitati e non obbligati a presentarsi in un ambulatorio ubicato nella zona industriale di Firenze

“Riteniamo doveroso che nell’affrontare la delicata tematica relativa al Coronavirus, non si debbano usare due pesi e due misure”.

Così tutti i parlamentari ed i consiglieri regionali della Lega eletti in Toscana dopo il nuovo caso di contagio nel nord Italia: “Ci riferiamo al fatto – proseguono gli esponenti leghisti – che, mentre nostri connazionali sono stati sottoposti ad una giusta  quarantena nel Centro sportivo militare della Cecchignola, alle porte di Roma, in Toscana, alcune migliaia di cinesi di ritorno dal loro Capodanno sono solo invitati e non obbligati a presentarsi in un ambulatorio ubicato nella zona industriale di Firenze, messo in piedi in fretta e furia, tra il giusto sconcerto di chi lavora nei paraggi”.

“Apprezziamo – precisano i rappresentanti del Carroccio – lo sforzo che sta facendo la Cina sul suo territorio, mentre ribadiamo la nostra forte perplessità riguardo alle misure adottate dal presidente Rossi e dall’assessore Saccardi, per noi assolutamente non idonee allo scopo che si prefiggono”.

“Per tale motivo – insistono i parlamentari ed i consiglieri regionali toscani – stiamo verificando l’opportunità di produrre un esposto nei confronti dello stesso governatore e del citato assessore che potrebbero  essere tacciati di comportamenti gravemente omissivi riguardo alle azioni di contenimento di un ipotetico diffondersi del virus anche nella nostra regione”.

“Oltre a ciò – conclude la nota della Lega – condanniamo apertamente il farneticante post di Rossi che offende noi e tutti coloro i quali votano il nostro partito, affermando che ‘chi lo attacca è un fascioleghista’; per questa inaccettabile frase, non escludiamo, dunque, una querela”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.