Poste, Montemagni: “A Capannori piccoli centri non siano penalizzati”

L'esponente leghista: "Auspichiamo che l'azienda sappia gestire al meglio tale situazione"

“Le Poste sono state ritenute, giustamente, un servizio essenziale e quindi devono continuare ad offrire un normale supporto ai cittadini”.

Così Elisa Montemagni, capogruppo in consiglio regionale della Lega, che commenta: “L’emergenza coronavirus ha costretto l’Ente postale a rimodulare l’attività, ma ciò non deve andare a scapito degli utenti. Anche nella zona di Capannori, quindi – precisa l’esponente leghista – è fondamentale che, pure nei piccoli centri, si lascino aperti gli uffici, magari riducendone l’orario di apertura, ma chiuderli del tutto, è un danno non indifferente per i cittadini”.

“Auspichiamo, dunque – conclude il rappresentante del Carroccio – che Poste Italiane sappia gestire al meglio tale situazione, garantendo, al contempo, ai suoi dipendenti di lavorare in sicurezza, ma fornendo il consueto ausilio operativo, pure nello smistamento della corrispondenza e per le altre naturali incombenze delle persone, come agevolare il ritiro delle pensioni da parte degli anziani, peraltro, purtroppo, più soggetti ad essere infettati dal virus”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.