Quantcast

Virus, Donzelli (FdI): “Governo invii ispezioni nelle Rsa toscane”

Come avvenuto in Lombardia, il gruppo chiede chiarezza anche nelle stutture della Regione Toscana

Alla luce dei numerosi casi di coronavirus emersi nelle Rsa della Lombardia e delle inchieste aperte dalla magistratura su segnalazione dei familiari e degli stessi operatori sanitari, Fratelli d’Italia chiede al governo di avviare un’analoga iniziativa anche nella Regione Toscana.

“Il sottosegretario alla salute della Regione Lombardia  – scrive il deputato Giovanni Donzelli – ha affermato oggi alla camera, nella risposta ad una interrogazione del Partito democratico, di aver ‘avviato un’attività di verifica ispettiva sulla congruità delle indicazioni fornite alle Rsa dalla Regione Lombardia, e all’adeguatezza delle attività di prevenzione, vigilanza e indirizzo’.  Ci aspettiamo che il Ministero della salute voglia fare trasparenza su tutte le situazioni e quindi agisca allo stesso modo nell’altra regione italiana più colpita per numero di deceduti con Covid-19 in Rsa”.

Secondo i numeri ufficiali in Toscana un morto su cinque per coronavirus ha contratto il virus in una Rsa – sottolinea Donzelli – con oltre 100 morti causati per lo più da evidenti falle organizzative. Gli operatori di alcune di queste strutture denunciano di aver più volte chiesto alla Regione Toscana i tamponi sugli anziani. Tamponi che, mentre il governatore Rossi annunciava ‘controlli a tappeto’, non venivano effettuati neanche su pazienti con chiari sintomi o con parenti ricoverati in terapia intensiva. Una mancanza alla quale va sommata la follia di mischiare il soggiorno di persone contagiate e non, fra pazienti e operatori sanitari, negli stessi ambienti. Pretendiamo – conclude Donzelli – che il governo si adoperi per fare chiarezza su tutto ciò”. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.