Quartieri Social, riparte la consultazione dei comitati sui progetti del Comune

Schede 'porta a porta' per esprimere un'opinione sull'area ex Gesam

Dopo l’interruzione forzata per la pandemia, riprende a San Concordio la consultazione popolare autogestita sulla piazza coperta, partita dall’assemblea pubblica dello scorso 20 febbraio e promossa da Comitato Per San Concordio, associazione Amici del Porto della Formica e associazione culturale quartiere San Concordio.

“Nei prossimi giorni – spiegano i promotori – verranno distribuite nelle cassette delle lettere delle strade del quartiere le schede del referendum, sulle quali i residenti, potranno indicare cosa preferiscono che venga fatto nell’area Gesam: o la piazza coperta, una grande costruzione alta 16 metri e larga in pianta 2000, con parcheggio interrato a pagamento, finanziata con 6 milioni di euro dei Quartieri Social, oppure la proposta alternativa dei comitati: recupero dell’edificio storico esistente con verde e parcheggi di superficie. La consultazione andrà avanti fino al 30 giugno”.

Sono già 400 le schede che sono state restituite compilate prima del lockdown. “È interesse di tutta la città – proseguono i comitati – non solo dei sanconcordiesi, un corretto recupero dell’area Gesam, sito del porto fluviale di Lucca, di cui sono state riportate alle luce, intatte, le strutture murarie della darsena.  Tutti i lucchesi sono pertanto invitati a votare scaricando la scheda referendaria da Facebook Salviamo il Porto della Formica. L’invito è anche a votare il sito del porto, minacciato da una inutile cementificazione, come “luogo del cuore” del Fai”.

I promotori “si augurano che il Comune – conclude la nota – che non ha voluto prendere in considerazione la petizione protocollata lo scorso luglio, voglia invece prendere atto di quello che sarà il risultato del referendum per rivedere sostanzialmente il contestato progetto edilizio“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.