Progetto ex manifattura in Consiglio il 5 giugno, ma Coima non ci sarà

L'opposizione non ci sta: "Paradossale che si sia atteso tanto tempo dalla richiesta di assise per poi discuterne con sindaco e tecnici"

Progetto Coima Manifattura Tabacchi: il consiglio comunale espropriato per mesi della sua illustrazione”. Lo dichiarano in una nota congiunta i capigruppo Remo Santini (lista civica SìAmoLucca), Marco Martinelli (centrodestra), Fabio Barsanti (CasaPound) e Massimiliano Bindocci (Movimento 5 Stelle), che tornano a sollevare la questione della prevista ristrutturazione di una parte del complesso del centro storico con un investimento di oltre 50 milioni di euro da parte della Fondazione Cassa di Risparmio.

“È paradossale  – spiegano i consiglieri di opposizione – che il Comune abbia rinviato di settimana in settimana l’illustrazione ufficiale al consiglio comunale, e di conseguenza alla città, del progetto di recupero dell’ex Manifattura protocollato dalla società di Milano, adducendo come unica motivazione un problema logistico: ovvero che a fronte della confermata disponibilità di Coima ad intervenire in consiglio, era solo necessario individuare una data che andasse bene a loro”.

Oggi invece durante la commissione dei presidenti dei gruppi consiliari l’ennesimo colpo di scena. “Infatti l’amministrazione Tambellini ha annunciato che Coima non è più disponibile ad intervenire in consiglio comunale, e nemmeno la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, e che quindi l’illustrazione del progetto sarà fatta direttamente dal sindaco e dai tecnici comunali venerdì 5 giugno – aggiungono i capigruppo di opposizione – Se doveva essere questa la modalità di presentazione del progetto, perché la giunta Tambellini ha tenuto nel cassetto per oltre tre mesi e non lo ha presentato prima al consiglio? Ancora una volta l’amministrazione Tambellini conferma che Palazzo Orsetti, anziché una casa di vetro, è un’istituzione che fa della non chiarezza il suo tratto distintivo”.

“Il progetto è stato depositato da Coima il 20 febbraio scorso – conclude la nota – e  sempre negli stessi giorni l’opposizione ha raccolto le firme necessarie per far svolgere una seduta incentrata proprio sul piano di trasformazione di un’ampia porzione dello strategico edificio del centro storico. Dove si pensa di discutere di un progetto come questo se non in consiglio comunale? Forse nelle segrete stanze?”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.