Indagine Tpl, Montemagni (Lega): “Difficile che l’affidatario subentri l’1 luglio”

I dubbi della consigliera del Carroccio: "Gara gestita male fin dall'inizio"

Anche la Lega interviene sulla nuova inchiesta per il trasporto pubblico locale.

“Mentre l’assessore Ceccarelli appare rassicurante, dicendo che tutto è stato fatto in modo regolare e che l’unico obiettivo sia l’interesse dei cittadini – afferma Elisa Montemagni, capogruppo in consiglio regionale della Lega – noi siamo, invece, fortemente preoccupati che l’indagine della guardia di finanza, dopo aver acquisito una copiosa documentazione proprio dalla Regione, possa penalizzare ulteriormente i toscani, già alle prese con un servizio pubblico locale, tutt’altro che impeccabile”.

“Le indagini, che ci auguriamo celeri – prosegue il consigliere – faranno ovviamente il loro corso naturale, ma è chiaro che questa gara sul Tpl sia stata malgestita fin dall’inizio e stia, tuttora, proseguendo in malo modo. Alla luce di queste poco edificanti novità ci risulta, infatti, difficile pensare che l’affidamento dell’importante gestione dei trasporti possa realmente partire dall’1 luglio; ribadiamo, quindi, che tutte queste problematiche in serie, a prescindere da potenziali risvolti penali, sono deleterie per i tantissimi toscani che, quotidianamente, prendono mezzi pubblici obsoleti, spesso in numero insufficiente alle reali esigenze della clientela, pagando onerosi biglietti ed abbonamenti”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.