Salvini a Lucca lancia la sfida per le regionali: “Siate portatori sani di cambiamento” fotogallery

Il segretario della Lega in piazza Grande dà il via alla campagna elettorale: "Con noi al governo prima i toscani e poi il resto del mondo"

Erano in tanti questa mattina (23 giugno) ad attendere il segretario della Lega ed ex ministro dell’interno Matteo Salvini in piazza Grande a Lucca per il primo appuntamento elettorale dopo l’ufficializzazione di Susanna Ceccardi come candidata governatrice per la Toscana. Una colazione per incontrare simpatizzanti e curiosi e iniziare a mettere le basi per la campagna elettorale.

selfie Matteo Salvini piazza Lucca 23 giugno 2020

Rappresentanti del partito in Lucchesia (fra gli altri i consiglieri di Lucca e Capannori, Remo Santini e Salvadore Bartolomei) e tanti simpatizzanti hanno salutato il ‘capitano’ che ha affrontato temi locali e nazionali in un breve comizio prima di spostarsi verso Santa Croce sull’Arno.

Inevitabile, all’arrivo, l’assalto al segretario per i selfie di rito. Salvini sfoggiava la mascherina con la bandiera bianco e rossa della Lega. Tante, in piazza, le mascherine tricolori o griffate della Lega.

Nel breve comizio il segretario ha rinverdito i suoi cavalli di battaglia. Dopo aver salutato Lucca (“Siamo il paese dei campanili, non si può andare la sera a Viareggio senza passare la mattina dopo da Lucca”) ha ricordato il prossimo appuntamento elettorale: “Per la prima volta dopo 50 anni il centrodestra è unito e di là hanno una paura fottuta – ha detto – Non vedo l’ora di mandare a casa Rossi e Giani. Poi fra un anno e mezzo penseremo anche a Lucca”.

Poi un cenno all’economia e al governo: “Nel venire qui – spiega – ho incontrato cinque persone in cassa integrazione su cinque nessuna ha visto ancora un euro da marzo. Sulla scuola, poi, è surreale: abbiamo un ministro che neanche l’esame di terza media passerebbe. E questo lo dico da padre e non da politico: non si sa ancora quando e come si torna a scuola”.

Salvini è convinto che la regione, in questa tornata, sia contendibile: “Questa volta ad essere divisi sono loro – dice rivolgendosi al centrosinistra – cinque anni fa eravamo divisi noi. Abbiamo una squadra forte e abbiamo scelto come candidato un sindaco che ha fatto quello che ha promesso, come chiudere il campo Rom a Cascina”.

Fra i temi trattati anche quello del caos Tpl dopo la gara regionale: “Gli autobus della Toscana – ricorda – sono gestiti da una multinazionale francese. Pensate che in Francia permetterebbero di gestire il Tpl a una ditta toscana? Con la Lega al governo in Toscana prima i toscani e poi il resto del mondo“.

Infine l’appello verso il voto: “Se si vota il 20 settembre il sogno vive sulle nostre gambe. Un voto importante, visto che la Regione è quella che decide della sanità ad esempio. È possibile una Toscana migliore? Sì. E voi dovete essere portatori sani di voglia di cambiamento”.

Sul finale della mattinata lucchese e prima del caffè all’ex vicepremier è stata donata una maglia della Lucchese con cui ha posato. Poi la foto improvvisata con l’autista di una navetta, fermata da uno dei simpatizzanti leghisti mentre Salvini stava partendo alla volta del comprensorio del Cuoio.

Il commento del commissario Recaldin

“E’ sempre un orgoglio quando il Ssgretario della Lega annuncia dal tuo territorio il candidato a presidente della Regione. Sono segnali importanti per tutto il nostro movimento, a livello provinciale e regionale. E il fatto di aver condiviso questo appuntamento con tanti sostenitori e le rappresentanze delle categorie economiche, la dice lunga sulla importanza strategica di Viareggio, della Versilia e di tutta la Provincia di Lucca nel contesto della Toscana”. È molto soddisfatto il responsabile provinciale della Lega, Andrea Recaldin, nel commentare la serata che da Torre del Lago ha lanciato la campagna elettorale a p residente di Regione di Susanna Ceccardi.

Un successo bissato poi stamane dal caffè in centro a Lucca con Matteo Salvini. “Ieri sera è stata una serata molto importante perché ha segnato un passaggio strategico per il futuro politico della Toscana che verrà. Avremo potuto anche essere molti di più, ma le norme anti-covid ci hanno imposto, nostro malgrado, di limitare l’accesso di sostenitori e militanti: mi dispiace, ma sono certo tante altre occasioni. Una di queste è stata quella di stamattina, dove Matteo Salvini ha dovuto improvvisare un comizio per ringraziare i tantissimi sostenitori occorsi per salutarlo. Siamo partiti da meno di 12 ore, ma l’entusiasmo è già tantissimo. Ora dovremo continuare così, ascoltando le categorie come abbiamo fatto ieri sera, pianificando ogni occasione utile, come stamane a Lucca, e contribuendo alle elezioni comunali, come faremo a Viareggio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.