Ex Manifattura, Italia Viva e Riformisti: “Serietà e trasparenza, ma anche decisioni rapide”

Baccini e Colucci intervengono nel dibattito: "Sì a parcheggio da mille posti auto e vendita a una cordata privata con dentro la Fondazione Cassa di Risparmio"

“Su un problema serio e complesso come quello del recupero dell’immenso patrimonio edilizio della ex Manifattura Tabacchi si sta consumando un gioco al massacro e all’inganno, da molte parti”. Così la pensano Italia Viva e i Riformisti Toscani di Lucca. 

“L’opposizione di centrodestra – dicono Alberto Baccini e Francesco Colucci – starnazza sul progetto per farne un polverone elettorale, la giunta Tambellini tiene le carte coperte cercando di rinviare ogni discussione. Da una parte e dall’altra si perde di vista l’interesse generale della città”.

“Italia Viva e i Riformisti Toscani – spiega la nota – ribadiscono in chiarezza poche ma precise indicazioni: il recupero dell’area Manifattura è vitale per la città e si deve far ogni sforzo per realizzarlo, non è accettabile proseguire nel degrado attuale. In questa area della Manifattura è assolutamente indispensabile realizzare, in via preliminare e quindi da subito, un parcheggio con mille posti auto, essenziale per non far morire il centro storico e risolvere la sosta dei residenti. La vendita della parte sud della Manifattura ad una cordata privata di cui faccia parte la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca è una delle soluzioni possibili e valide, per questa ristrutturazione. La Fondazione CrLucca ha dato negli anni prova di grande amore per Lucca e grande efficienza nei pregevoli restauri effettuali, dalla Mura a San Micheletto, San Francesco e altri ancora”.

“Qualsiasi vendita di beni comunali – spiegano ancora – e l’approvazione di grandi progetti di ristrutturazione nel centro storico debbono avere  sempre e quindi anche su questo progetto, la massima pubblicità e trasparenza, senza clausole o riserve segrete. Una trasparenza su interventi così rilevanti è normale e scontata, non si capisce tutto questo teatrino, questo gioco delle tre carte che si sta sviluppando su questa vicenda fra la giunta e i partiti di opposizione, ambedue protesi a ricercare unicamente vantaggi elettorali anziché il bene delle città di Lucca”.

“Italia Viva e i Riformisti Toscani – concludono – chiedono serietà e trasparenza ma anche decisioni rapide e costruttive perché un recupero intelligente della Manifattura Tabacchi è una delle grandi occasioni di sviluppo e lavoro per la città di Lucca e i suoi cittadini, da non perdere e da fare in tempi brevi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.