Parcheggio interrato in piazza della Concordia e centro sportivo nell’area della Croce Rossa fra i contributi al piano operativo

Al vaglio della commissione urbanistica progetti, idee e proposte dei cittadini. Slitta il dibattito sulla rimodulazione del Piuss

Due progetti al vaglio dell’amministrazione in vista del piano operativo. Sono emersi nell’analisi dei contributi nell’ultima commissione urbanistica di mercoledì scorso (1 luglio).

Al vaglio della commissione, infatti, alcuni interventi degni di nota che riguardano strade e parcheggi nei quartieri della prima periferia.

Uno dei primi punti messi in evidenza è la richiesta del completamento del collegamento tra la statale del Brennero e via Salicchi. Alternative attuali a quella viabilità  non ci sono mai state, almeno da quattro amministrazioni e ciò, è stato sottolineato, è legato anche alla realizzazione del nuovo ponte sul Serchio.

Al vaglio della commissione anche un progetto avanzato da un gruppo di professionisti, che prevede la realizzazione di un parcheggio interrato sotto piazza della Concordia a San Marco di fronte alla vecchia entrata dell’ospedale di Campo di Marte. Quest’area adiacente al centro storico è attualmente occupata da due giardini divisi da una percorso stradale posto al centro. L’area di dimensione 185×55 metri potrebbe ospitare una zona sosta di notevole grandezza, addirittura più ampia rispetto a quella realizzata nell’ex caserma  Mazzini, con una superficie superiore ai 10mila metri quadrati.

Altro progetto presente nei contributi è quello relativo alla riqualificazione della tensostruttura della Croce Rossa alle Tagliate prevedendo la realizzazione di una struttura multifunzionale a carattere polivalente pensata per ospitare eventi sportivi di carattere nazionale e internazionale. Viene considerata nel progetto anche la riqualificazione e il potenziamento dell’area si sosta che si trova sul retro del Palatagliate, utilizzando lo spazio attualmente occupato da un’area boscata in totale degrado.

La commissione, guidata dal presidente Gianni Giannini (Pd), ha visto presenti i consiglieri Enzo Giuntoli in sostituzione di Renato Bonturi, Daniele Bianucci, Gabriele Olivati, Lucio Pagliaro, Simona Testaferrata, Fabio Barsanti e Enrico Torrini.

Come ordine del giorno si doveva discutere della rimodulazione dei progetti Piuss e del bando pubblico vinto da Campus. L’assenza dell’assessora Serena Mammini ha impedito, però, la discussione dei punti all’ordine del giorno. E non è mancata qualche polemica.

“A causa di un imprevisto urgente – ha detto il presidente Giannini – l’assessora con delega all’urbanistica, Serena Mammini, non è potuta essere presente oggi. Richiedo quindi di rimandare la discussione sul progetto Piuss inserito all’ordine del giorno nella prossima riunione della commissione urbanistica”.

La mancata discussione sul progetto fa insorgere l’opposizione e a prendere la parola è la consigliera di centro destra Simona Testaferrata: “Rimango veramente senza parole – ha detto – di fronte al fatto che non sia presente per la discussione l’assessora Mammini, su questo tema che per noi è considerato della massima importanza, che è la rimodulazione dei progetti Piuss. Noi ci sentiamo scarsamente considerati nel nostro ruolo, visto che la discussione era all’ordine del giorno e nel calendario dei lavori era presente da tempo. Ci farebbe piacere essere avvertiti precedentemente e non all’ultimo momento se c’è un cambio nell’ordine dei lavori. Appare di conseguenza inutile parlare del bando vinto da Campus che è legato comunque ai progetti Piuss”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.