Pd diviso sull’appoggio a Del Ghingaro, striscioni alla sede

Malumori per il sostegno alla candidatura del sindaco uscente

Bufera in casa Pd a a Viareggio. Protestano alcuni iscritti del Pd dopo la decisione del partito, resa nota ieri, di sostenere alla prossime amministrative la candidatura del sindaco uscente Giorgio Del Ghingaro. Cartelli di protesta sono stati affissi sul portone della sede del partito viareggino: ‘Cara Bonafè dovresti essere commissariata te’, con riferimento a Simona Bonafè, segretaria del Pd toscano il quale a maggio ha commissariato il partito di Viareggio, o ancora “Il Pd siamo noi reietti perchè guardiamo ai giusti progetti”, “Bonafè ti credi furba ma il tuo accordo non ci turba siamo onesti e non corsari non ci vendiamo per trenta denari”. Prima del commissariamento il Pd viareggino aveva presentato come candidato Sandro Bonaceto.

Parlando dell’accordo raggiunto col Pd Del Ghingaro in una nota ha detto che ” è frutto della buona politica che tornata a Viareggio”, dopo che negli anni si “era persa, mescolata, fino ad annegare nella palude dei rancori personali, delle rabbie tra le fazioni, dei livori consolidati nel tempo”.

Ieri anche il governatore toscano aveva espresso soddisfazione per il sostegno del Pd a Del Ghingaro: “Sono felice. Bravi. La destra non avrà partita” aveva scritto su Fb: “Che bello sarebbe se il centro sinistra fosse unito in tutti i Comuni e in tutte le Regioni” aveva aggiunto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.